Venerdi 22 settembre 2017 15:24

O’ Cippo 2.0, il falò di Sant’Antonio su N’Albero al Lungomare

10 gennaio 2017



Le feste natalizie sono terminate ma N'Albero resta sul lungomare napoletano proponendo un lungo programma per i prossimi mesi. Il prossimo evento in calendario è la festa di Sant'Antonio, protettore degli animali, particolarmente sentita in alcuni quartieri della città.

Tradizione vuole che il 17 gennaio, in occasione della festività del Santo, si accendi un falò, o' cippo 'e Sant'Antonio, per bruciare tutte le cose vecchie e salutare così il nuovo anno. Una pratica, seppur tradizionale, spesso pericolosa che N'Albero intende portare in pieno centro città con tutte le precauzioni del caso, senza perdere in fascino e caratteristica. Il materiale altamente infiammabile e spesso tossico sarà sostituito da materiale non nocivo privo di emissioni pericolose per l'ambiente e la salute. Il falò di Sant'Antonio diventa così O' Cippo 2.0, una nuova versione ancora più entusiasmante e divertente.

Il 17 gennaio, dunque, sulla spiaggia della Rotonda Diaz potranno prendere parte allo spettacolo tutti, dai grandi ai piccino, godendo non solo del fuoco in riva al mare ma anche dell'esibizione di giocolieri, mangiafuoco e musica folk. L'accensione del falò avverrà per mano di un acrobata che, partendo dalla cima di N'Albero, percorrerà una teleferica lunga 70 metri fino a giungere alla spiaggia dando il via allo spettacolo del cippo 2.0.

© Riproduzione riservata