Venerdi 22 settembre 2017 04:20
Diario Partenopeo

Notizie ed Eventi della citta' di Napoli


Nasce a Napoli ‘l’Ufo marino’, Jet Capsule sta per rivoluzionare il rapporto col mare




NAPOLI - Un'invenzione straordinaria, che potrebbe rivoluzionare il rapporto dell'uomo con il mare. Un'azienda con sede nel Porto di Napoli, la Jet Capsule, ha creato un 'Ufo marino'. Di alieno non ha nulla, si tratta di una capsula marina galleggiante da 12 metri di diametro, strutturata su due livelli (uno in superficie e uno sottomarino) che può ospitare fino a 16 persone. In altre parole, una vera e propria casa galleggiante con tutti i confort. La parte esterna del disco, simile agli anelli di Saturno, può ospitare elementi diversi, quali alberi e piante, un'area prato naturale, una panchina per riposare e osservare il paesaggio, una pista circolare per camminare, pescare o andare in bicicletta.

UN UFO DA SOGNO - All'interno dell'igloo, costruito in fibra di vetro, una vera casa. Ci sarà una zona pranzo e una cucina, da cui è possibile accedere tramite una scala mentre, nella parte sottomarina, ci sarà il bagno, camera da letto e una finestra panoramica che consentirà di vedere il fondale e la vita del mare o del lago in ogni momento.  La struttura, inoltre, è inaffondabile ma, naturalmente, non è stata progettata per addentrarsi negli oceani. L'Ufo è stato concepito per le acque costiere o laghi, ma può anche essere adattato alle condizioni di mare agitato, chiudendo l'accesso verso l'esterno.

ENERGIA PULITA - I due creatori, il designer Pierpaolo Lazzarini e l'imprenditore navale Luca Solla, hanno pensato anche all'approvvigionamento energetico, che avverrà attraverso 30 metri quadrati di pannelli solari, che generano energia elettrica, inviandola alla batteria, collegata al motore principale, in grado di spingere il l'Ufo a circa 3 nodi (5,5 km/h). Secondo Lazzarini e Solla, due mulini a vento situati sul tetto o sul disco perimetrale, e due turbine sottomarine, consentiranno anche di sfruttare la potenza delle correnti di vento e mare per generare e immagazzinare elettricità supplementare, e coprire tutti le esigenze. Un sistema di depurazione, invece, trasformerà l'acqua piovana o l'acqua di mare in acqua potabile che potrà essere usata per bere e irrigare il giardino.

L'AZIENDA - Jet Capsule, attualmente, si occupa della produzione di moto d'acqua chiuse, battezzate con lo stesso nome dell'azienda. Per sviluppare l'idea dell'Ufo marino e iniziare la produzione di un primo prototipo funzionante, servono finanziatori. I due creatori si stanno muovendo in questo senso, per rendere realtà un progetto che, almeno sulla carta, appare di assoluto pregio.

© Riproduzione riservata