Mercoledi 23 maggio 2018 03:21
Diario Partenopeo

Notizie ed Eventi della citta' di Napoli


«Lavali col fuoco», slogan anti-napoletani diventano moda

18 gennaio 2018

Senza ombra di dubbio l'autoironia è una caratteristica fondamentale del napoletano medio, così come la capacità di trasformare un insulto in un mezzo da usare a proprio vantaggio. Ne è un esempio Gianluca Isaia, patron dell'omonimo brand partenopeo, che ha fatto dell'humor il protagonista della sua nuova collezione autunno-inverno 2018/2019. Presentata sulle passerelle milanesi, i modelli hanno sfilato indossando candide t-shirt con delle stampe davvero uniche e imprevedibili. «O Vesuvio, lavali col fuoco», «Senti che puzza, scappano anche i cani, stanno arrivando i Napoletani», «C’avete solo la monnezza» e così via per un totale di sette insulti anti-napoletani ai quali lo stilista ha risposto sul retro con «’A mamma d’ ‘e scièm’ è sèmpe prèna».

Un richiamo ai cori da stadio e non solo, che il brand napoletano sfrutta a suo vantaggio rendendoli slogan autoironici da indossare con stile e orgoglio. Tutte le t-shirt portano, infatti, stampate l'hashtag #ProudlyNapolitano unendo così al dialetto l'universale messaggio di appartenenza alla propria terra. «E’ una campagna ironica, irriverente, che forse qualcuno non capirà. La giustizia sportiva ha tempi e approcci inaccettabili e a Napoli reagiamo rispondendo con un sorriso» spiega Isaia nel corso della presentazione della sua collezione «Lo humour diventa la chiave della rivoluzione, di una reazione civica contro un inutile rigurgito di razzismo e contro l'incapacità di abbattere pregiudizi inutili e barriere prive di alcun senso».

© Riproduzione riservata