Lunedi 20 novembre 2017 01:14
Diario Partenopeo

Notizie ed Eventi della citta' di Napoli


Ferdinando Del Carretto di Novello, il sindaco di Napoli col cannone




Salutare il nuovo anno con rumorosi e colorati fuochi d'artificio è una tradizione che, pur ridimensionata, non sembra tramontare a Napoli. Oltre un secolo fa, quando batterie e rendini ancora non invadevano le strade del capoluogo campano, un sindaco decise che il Capodanno si  doveva festeggiare con una sonora cannonata.

Il marchese Ferdinando Lodovico Enrico Del Carretto di Novello, primo cittadino di Napoli per tre volte tra il 1903 ed il 1913, era conosciuto come uomo austero e scrupoloso. Decise, infatti, di rinunciare all'utilizzo della carrozza riservata al sindaco (l'odierna auto blu) per raggiungere Palazzo San Giacomo da via Crispi 145, dove abitava. Il marchese Del Carretto, però, è ricordato non solo per il suo impegno politico, civile o militare ma per quel colpo di cannone che ordinò di sparare il 1 gennaio del 1905.

Questo suo cruccio, avvertito da tutti i napoletani, non lasciò indifferente Matilde Serao che, con ironia, gli dedicò alcune strofe:

Quanta ggente, cu sta botta,
so' rimaste senza sciate,
quanta coppie 'e nnammurate
s'hanna avuta ntusseca'
ca 'o cannone l'ha pigliate
proprio 'o mmeglio d' 'o trascurzo
(che bbuò fa? Mannaggia ll'urzo!)
ubbligannole a... spezza'.
E 'o marchese Del Carretto
Pe st'idea tanto geniale
Se n'ha 'ntise, bbene o male,
murticielle 'nquantità!

Nonostante la stravagante iniziativa, i napoletani gli riconobbero il merito per le opere di rinnovamento portuale ed edilizio della città confermandolo per altri due mandati dopo il voto quasi plebiscitario del 1903.

© Riproduzione riservata