Mercoledi 22 novembre 2017 15:45
Diario Partenopeo

Notizie ed Eventi della citta' di Napoli


Il primo matrimonio gay in Italia si tenne a Napoli nel 1978




Il 2016 è stato l'anno delle unioni civili. Se ne è discusso tanto, fino all'approvazione dell'attesissimo provvedimento legislativo. Il negozio giuridico previsto dal registratore non è un vero e proprio matrimonio. Eppure un sposalizio omosessuale, in Italia, si è già "celebrato". Accadde a Napoli, nel 1978.

Come riporta un vecchio numero del settimanale Oggi, risalente all'epoca dei fatti, si "unirono" due uomini partenopei. Uno, vestito da sposa, era soprannominato 'A Russulella mentre il partner, in abiti maschili, era noto come Là Là. I due, all'epoca, avevano all'incirca cinquant'anni e crearono scalpore in città. La "sposa" fu accolta da una folla incredula quanto lasciò la propria abitazione con indosso l'abito bianco per salire a bordo di una chiara e luccicante Mercedes bianca che la conducesse dal futuro "marito". Il matrimonio, comunque nullo per l'anagrafe, fu celebrato con tanto di testimoni e la coppia, dopo le foto di rito, partì anche per il viaggio di nozze. Il fatto ebbe una forte risonanza mediatica tanto che la giornata dei due fu seguita anche dalle telecamere della Rai che mandò in onda un servizio sul primo matrimonio omosessuale celebrato in Italia all'interno de "L'Altra Domenica".

Erano altri tempi e, culturalmente, il Paese non era ancora pronto per una rivoluzione di questo tipo. Il fatto apparve ai più come un atto dimostrativo e non ebbe particolare attenzione dal mondo politico.  Durante la giornata non si registrarono particolari atti di omofobia. Non si andò oltre qualche battutina. Napoli, in quell'occasione, dimostrò la propria anima progressista. Vocazione che, a distanza di decenni, non ha perso, come dimostra la battaglia dell'attuale amministrazione comunale per il riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali e dei loro figli.

© Riproduzione riservata