Sabato 18 novembre 2017 07:24

Tragedia in Abruzzo: valanga di neve sull’hotel, si teme una strage
Nella struttura erano presenti 22 turisti, fra i quali alcuni bambini, oltre a 7 dipendenti

19 gennaio 2017



PESCARA - Continuano senza sosta le ricerche delle persone rimaste sepolte sotto la slavina che ieri ha investito in pieno l'hotel Rigopiano di Farindola, in provincia di Pescara, alle pendici del Gran Sasso. Nella struttura erano presenti 22 turisti, fra i quali alcuni bambini, oltre a 7 dipendenti. Al momento il bilancio provvisorio è di tre morti, tanti quanti i cadaveri finora recuperati. Due, per adesso, le persone tratte in salvo, mentre tutti gli altri risultano dispersi sotto la neve e le macerie di un albergo letteralmente spazzato via dalla valanga, provocata dalla scossa di terremoto registrata ieri nel Centro Italia.

Le ricerche proseguono in condizioni proibitive, basti pensare che gli uomini del Soccorso Alpino, i primi ad intervenire, hanno dovuto usare gli sci per raggiungere il resort. Impossibile invece procedere per i mezzi, che si sono trovati la strada sbarrata da altre valanghe e alberi caduti. Al momento si lavora dunque per liberare l'area dalla neve e consentire l'arrivo dei soccorsi.

© Riproduzione riservata