Lunedi 20 novembre 2017 02:53

Crolla a Catania una palazzina: morta una donna, grave bimba di 10 mesi

26 febbraio 2017



CATANIA - Tragedia a Catania. Un palazzo di tre piani è crollato intorno alle 02:30 della notte nel centro di Catania, in via Crispi, probabilmente in seguito ad una esplosione provocata da una bombola di gas. Morta una donna di 85 anni, trovata tra le macerie insieme a quattro feriti, due dei quali trasportati in ospedale in codice rosso. Tra questi una bimba di 10 mesi ricoverata in coma farmacologico. La piccola ha riportato una frattura cranica laterale sinistra e presenta anche due focolai contusivi emorragici per i quali non è necessario sottoporla a un intervento chirurgico, ma soltanto a controlli clinici.

«Le lesioni contusive e le frattura - ha spiegato Giuseppe Ferlazzo, primario della Rianimazione pediatrica dell'ospedale Garibaldi Nesima - sono stabili e a un primo controllo neurologico è stato evidenziato peraltro un movimento spontaneo dei quattro arti e presenza dei riflessi». In tutte le due sedi dell'ospedale Garibaldi, Nesima e Centro, dopo la notizia del crollo della palazzina, il dipartimento di emergenza dell'azienda, diretto dal dottor Sergio Pintaudi, ha attivato immediatamente il protocollo per l'emergenza di massa.

Video dei soccorsi

Si cerca ancora tra quel che resta dell'edificio, ma si pensa non vi siano altri dispersi. Della palazzina, sventrata dall'esplosione, sono rimasti solo il tetto e le fondamenta. Evacuati i palazzi adiacenti.

Uno dei quattro feriti è ustionato. Secondo una prima ripotesi, sarebbe stato vicino al luogo dove sarebbe avvenuta l'esplosione della bombola, che è ritenuta accidentale. L'uomo è stato ricoverato all'ospedale Vittorio Emanuele di Catania e poi trasferito, con un elicottero del 118, all'ospedale civico di Palermo. Secondo alcuni vicini, dalla sua abitazione, al primo piano, provenivano dei rumori tipici di lavori domestici e c'era odore di gas. Gli altri due feriti, non gravi, sono nell'ospedale di Lentini, nel Siracusano.

«Viva per miracolo»

«Sono viva per miracolo»: così si è definita una donan di 67 anni mentre, seduta su dei gradini esterni di un negozio, vede le macerie della sua casa. «Ci potevo essere anch'io là sotto, magari morta e invece ieri sono andata a casa di mio figlio. E questo mi ha salvato la vita».

Intanto la Procura di Catania ha aperto un'inchiesta per disastro colposo. Il procuratore Carmelo Zuccaro ha disposto il sequestro dell'immobile e delegato le indagini alla polizia di Stato.

© Riproduzione riservata