Giovedi 29 giugno 2017 17:53

«Perché è meglio una donna dell’Est», la Rai finisce nella bufera
Il servizio è andato in onda durante 'Parliamone sabato' un approfondimento de 'La vita in diretta', scuse dalla presidente Rai Maggioni e dal direttore di rete Fabiano

20 marzo 2017



«Sono rubamariti o mogli perfette?». È il sottotitolo del servizio «La minaccia arriva dall'est. Gli uomini preferiscono le straniere», andato in onda durante 'Parliamone sabato', una rubrica de 'La vita in diretta', condotta da Paola Perego. Un mix di sessismo e luoghi comuni, con tanto di illazioni pruriginose, che ha provocato l'indignazione del pubblico. Sono centinaia i messaggi sui social: il pubblico, specialmente quello femminile, non ha perdonato. In particolare nell'occhio del ciclone è finita una slide sui motivi che spingerebbero gli uomini a scegliere le donne dell'est. Tra questi «perdonano il tradimento» e «sono disposte a far comandare il proprio uomo».

La slide incriminata

Le scuse della Rai

Interpellata dall'Ansa, la presidente della Rai Monica Maggioni ha chiesto scusa per l'accaduto: «Ogni giorno ci interroghiamo su quale immagine di donna veicoliamo, su come progredire, uscire dagli stereotipi. Poi accade un episodio come questo: il problema non è una battuta inconsapevole, ma la costruzione di una pagina su un tema del genere: è un'idea di donna che non può coesistere con il servizio pubblico». «Per prima cosa - dice ancora la presidente - mi scuso. Poi come azienda cercheremo di capire come è nata una pagina di questo tipo». Anche Raiuno si è scusata per il servizio attraverso il direttore Luca Fabiano che, su twitter, ha ammesso l'errore. ««Gli errori vanno riconosciuti sempre, senza se e senza ma. Chiedo scusa a tutti per quanto visto e sentito a #Parliamonesabato». Sulla questione ha preso posizione anche l'Usigrai, che - attraverso una nota - ha definito il servizio «un siparietto disgustoso di cui come dipendenti, come donne e uomini della Rai ci vergogniamo». « È positivo che la Presidente Rai e il Direttore di Rai1 si siano scusati. Ma ovviamente non può bastare. È indispensabile che vengano presi provvedimenti nei confronti di tutti i responsabili».

© Riproduzione riservata