Mercoledi 22 novembre 2017 19:25

Nasce la nuova Acquachiara di Pino Porzio: «Abbiamo un progetto basato sui giovani»
E' stata presentata ieri presso il Caffè Gambrinus di piazza Trieste e Trento la nuova Acquachiara targata Pino Porzio che prenderà parte al campionato di Serie A1 2016/17.




NAPOLI - Tutto pronto per la sesta stagione in Serie A1. La Carpisa Yamamay Acquachiara è stata presentata ieri al Caffé Gambrinus. Una squadra che ha cambiato pelle, dopo gli ottimi risultati degli ultimi anni. Via alcuni senatori, dentro tanti giovani interessanti. La grande novità, però, è in panchina. Pino Porzio, tecnico pluridecorato, ha accettato di essere il nocchiero del nuovo corso acquachiarino. Dopo i successi di Pro Recco, è tornato nella sua Napoli. dove tanto ha vinto con il Posillipo. Contestualmente, continuerà l'esperienza di commissario tecnico della nazionale canadese.

Pino Porzio prenderà il posto di Paolo De Crescenzo, a cui il presidente Franco Porzio ha rivolto un saluto. «Lo ringrazio - ha detto il patron -. Non è più il nostro allenatore, ma ha lasciato la sua impronta di grande tecnico, di grande maestro. Sotto la sua guida la nostra squadra è cresciuta soprattutto sul piano della mentalità». Il nuovo tecnico ha spiegato i motivi della sua scelta: «Sono venuto all'Acquachiara perchè potrò allenare una squadra giovane, perchè avrò la possibilità di ricominciare daccapo, di portare avanti un progetto sin dall'inizio. Un progetto che prevede innanzitutto la crescita dei giovani che abbiamo in squadra e il potenziamento del nostro vivaio, al quale ho cominciato a dedicarmi già nella scorsa stagione». L'età media della rosa si è abbassata da 28 a 22 anni. Del vecchio gruppo sono rimasti soltanto il portiere Lamoglia, che sarà titolare, e Lanzoni.

Con una squadra così giovane, c'è il rischio di prendere qualche scoppola. Ma Franco Porzio lo ha già messo in preventivo. «Non importa - fa spallucce il presidente - , il nostro principale obiettivo per quest'anno è far crescere i giovani, e anche le batoste possono servire». Alla conferenza stampa ha preso parte anche l'assessore comunale allo Sport Ciro Borriello: «La pallanuoto è una grande realtà della nostra città. Acquachiara, Canottieri Napoli e Posillipo hanno sempre tenuto alto il nome di Napoli nello sport e sicuramente avrebbero potuto far di più se in questa città ci fossero minori difficoltà per quanto riguarda l'impiantistica. Noi del Comune cerchiamo di fare il massimo, ma spesso ci troviamo di fronte porte chiuse, cancelli che scavalcare è impossibile. Perchè? Perchè manca il dialogo tra gli enti».

© Riproduzione riservata