Sabato 23 settembre 2017 09:27
Diario Partenopeo

Notizie ed Eventi della citta' di Napoli


Derby al cardiopalma. Acquachiara-Posillipo finisce 11-10, si va a gara 3




NAPOLI - Il derby infinito arriva all'ottavo atto. L'Acquachiara batte il Posillipo 11-10 e riequilibra i quarti di finale playoff. Tutto si deciderà domani pomeriggio in gara 3. Dopo la vittoria rossoverde nella gara di andata, la squadra di De Crescenzo riesce a portare a casa un successo che è rischiato di sfuggire nel quarto tempo. Basti pensare che a 5'13'' dall'ultima sirena il Posillipo conduceva per 10-9. Lo sprint decisivo dell'Acquachiara nei minuti finali con le reti di Marziali e Lanzoni. Partita equilibrata fin dalle prime battute. Il primo break è di marca acquachiarina e arriva a metà del primo tempo, con due reti di Perez e Gitto che fissano il risultato sul 4-2, ma il Posillipo rientra quasi subito ad una sola rete di distanza Dolce. Nella formazione di De Crescenzo c'è un Petkovic diverso rispetto alle ultime partite che mette a segno due goal nei primi otto minuti. E' proprio il croato ad insaccare la rete del 5-3 che permette all'Acquachiara di arrivare alla prima sirena in vantaggio di due reti. L'oggettivo equilibrio tra le due squadre permane anche nel secondo tempo con due reti per parte. Gallo e Saccoia accorciano per due volte le distanze, ma Marziali permette ai suoi di arrivare all'intervallo lungo a +2 sugli avversari. L'Acquachiara, che sembrava tutta un'altra squadra rispetto agli ultimi derby, subisce un'involuzione nel terzo tempo. Petkovic e compagni, dopo una rete iniziale di Ferrone, concedono un break di tre reti ai rossoverdi che con Renzuto, Gallo su rigore e Radovic si portano sull'8-8. Una rete di Petkovic nel finale permette all'Acquachiara di arrivare in vantaggio alla penultima sirena. In apertura di quarto tempo l'Acquachiara appare imprecisa, timorosa di perdere una partita decisiva per la stagione. Il Posillipo ne approfitta e con un break firmato da Saccoia e Radovic trova il primo vantaggio della partita. Sembra l'ennesima giornata storta per la squadra di De Crescenzo ma negli a poco più di 5 minuti dalla fine del match arriva il goal di Marziali che riequilibra il risultato. Sale la tensione in vasca, entrambe le squadre sanno che qualsiasi momento può essere decisivo, e, quando Lanzoni insacca la rete dell'11-10, l'Acquachiara si scrolla un macigno. L'ultima azione del Posillipo non ha fortuna, vincono Petkovic e compagni. Si torna in vasca domani, entrambi i tecnici - nel dopopartita - non riescono a spiegarsi la cervellotica organizzazione. Non si conoscono gli arbitri, non c'è tempo per recuperare. L'unica certezza, per De Crescenzo, è che il vento è cambiato. «Possiamo ancora migliorare» garantisce l'allenatore dell'Acquachiara. Occhiello focalizza l'attenzione su qualche disattenzione in superiorità, riferendosi ad entrambe le fasi. CARPISA YAMAMAY ACQUACHIARA-POSILLIPO 11-10 (5-3, 2-2, 2-3, 2-2) ACQUACHIARA: Caprani, Perez 1, Rossi, Paskvalin, Marziali 3, Petkovic 3, Lanzoni 1, Ferrone 1, Luongo, Valentino 1, Astarita, Gitto 1, Lamoglia. All: De Crescenzo POSILLIPO: Caruso, Dolce 1, Briganti, Foglio, Klikovac, Radovic 2, Renzuto Iodice 2, Gallo 2, Russo, Bertoli, Mandolini, Saccoia 3, Negri. All: Occhiello Arbitri: Rovida e Savarese Superiorità numeriche: Acquachiara 7/13 e Posillipo 4/12 + 1 R Note: Usciti per limite di falli nel terzo tempo Foglio (Posillipo), nel quarto tempo Paskvalin (A), Rossi (A), Bertoli (P) e Gitto (A). © Riproduzione riservata