Giovedi 17 agosto 2017 19:35

Inchiesta Consip, de Magistris: «Fatto bene ad escludere Romeo dalla gestione del patrimonio immobiliare del Comune»

01 marzo 2017



NAPOLI - «Quanto leggo in queste ore e quanto ho visto in questi anni, mi porta a sottolineare l'importanza della mia personale decisione, sostenuta dalla mia Giunta, di mandar fuori Romeo dalla gestione assolutamente totalitaria del patrimonio immobiliare della città di Napoli». E' la dichiarazione a caldo del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando l'arresto dell'imprenditore Alfredo Romeo nell'ambito dell'inchiesta Consip.

«La decisione di togliere la gestione del patrimonio immobiliare comunale a Romeo è stata importantissima - ha aggiunto de Magistris - così come quella di aver rotto il sistema affari, politica e criminalità nella gestione dei rifiuti. L'internalizzazione del patrimonio ha rappresentato una delle più grandi operazioni di trasparenza, di legalità, di efficienza e di efficacia messa in campo da questa amministrazione comunale».

«Le resistenze sono state tante ed alcuni si sono perfino adoperati per evitare che io diventassi nuovamente sindaco - ha detto ancora - e Romeo è un uomo molto abile, un imprenditore da non sottovalutare di cui mi ha sempre colpito la capacità tentacolare di arrivare a ogni livello nessuno escluso, al di là delle questioni penalmente rilevanti».

Articoli correlati

Consip, arrestato l'imprenditore Romeo per corruzione. Perquisizioni anche per Bochino
Inchiesta Consip, il M5S: «Lotti spieghi in Parlamento i suoi rapporti con Russo»
© Riproduzione riservata