Giovedi 23 novembre 2017 19:34

Bufera nel Pd, a Napoli scatta il caso delle tessere comprate

01 marzo 2017



NAPOLI - Nuova bufera nel Pd. Secondo un video-denuncia pubblicato di Repubblica.it le tessere del Partito democratico sono state offerte gratuitamente nel circolo di Miano, già al centro dello scandalo delle primarie del 2011, nell'ultimo giorno utile per l'iscrizione.

«Solo la carta d'identità, i dieci euro ve li danno loro», si sente nel video. I 10 euro sono la quota che il partito chiede per rinnovare l'iscrizione. «Entrate, stanno dando 10 euro a persona. Non li cacciamo noi, non ci vanno in tasca. Vanno al partito», si sente ancora. Decine i cittadini in coda per entrare nel circolo, tanto che per regolare il flusso all'entrata, vengono distribuiti i numeri di prenotazione.

Immediata la reazione degli esponenti del Pd di Napoli, tra cui il segretario provinciale, Venanzio Carpentieri, che ha dato mandato all'ufficio adesioni del partito di non convalidare le richieste presentate al circolo di Miano, dove si sarebbero verificate le irregolarità nel tesseramento. Inviata anche la richiesta alla segreteria del Pd di commissariare il circolo di Miano.

Anche la segretaria regionale del Pd Campania, Assunta Tartaglione, ha stigmatizzato la vicenda dichiarando: «Gli episodi relativi al tesseramento riportati dalla stampa sono di una gravità estrema in quanto inficiano il regolare svolgimento del tesseramento, uno dei momenti di massima espressione della democrazia nel Partito democratico, e allo stesso tempo ledono pesantemente l'immagine del partito stesso». «Ben venga - aggiunge - la decisione del partito di inviare un dirigente nazionale per verificare la regolarità del tesseramento a Napoli. Per quanto concerne le nostre competenze, provvediamo immediatamente al commissariamento del circolo di Miano, indicando una figura di spiccata autorevolezza morale ed etica come l'ex senatrice ed europarlamentare Graziella Pagano. Su questa, come su tutte le altre possibili anomalie, saremo inflessibili. Non possiamo tollerare episodi che facciano apparire il Partito democratico diverso da ciò che è, in particolare in un momento delicato come quello che ci porterà al congresso. Lo abbiamo detto e lo ribadiamo con forza: non ci interessa la conta delle tessere, ma il dibattito sulle idee».

Guerini e Orfini inviano Fiano

Sulla vicenda non potevano non esprimersi Lorenzo Guerini, presidente della commissione Congresso, e Matteo Orfini, presidente del Pd che hanno reso noto la decisione di inviare a Napoli Emanuele Fiano. «Abbiamo deciso di inviare Fiano perchè venga fatto un esame attento in merito a quanto denunciato oggi dai media circa le irregolarità nel tesseramento riscontrate in un circolo del Pd. Riteniamo che sia fondamentale assicurare che venga fatta la massima chiarezza nel rispetto dovuto nei confronti dei nostri militanti».

«Se verranno riscontrate eventuali anomalie – proseguono – prenderemo, con fermezza, le dovute misure come previsto dal nostro statuto».

Fiano sarà già nelle prossime ore presso la sede della federazione provinciale del Pd di Napoli, in cui incontrerà il segretario Carpentieri avviando l’attività di verifica prevista.

© Riproduzione riservata