Mercoledi 19 settembre 2018 11:40

Listopoli a Napoli, disabile candidata a sua insaputa. Valente: «Non escludo nulla, neanche il complotto»

03 febbraio 2017

NAPOLI - «Non essendo in grado di ricostruire come sono andate le cose, non posso escludere assolutamente niente, non mi piace pensare ai complotti e mi viene difficile, ma nelle condizioni in cui sono non escludo niente». E' quanto ha detto Valeria Valente, parlamentare Pd e consigliere comunale di Napoli, in merito alla vicenda della ragazza affetta da sindrome di down che si è ritrovata candidata a sua insaputa nella lista Napoli Vale, a sostegno della Valente, candidata sindaco di Napoli per il Pd alle scorse comunali.

Articoli correlati

Napoli, ragazza disabile candidata a sua insaputa alle elezioni
Ragazza down candidata a sua insaputa, la Procura apre un fascicolo
Candidata a sua insaputa. Appello a Renzi: «Intervenga sulla vicenda»

«Sarebbe l'ipotesi più triste, che mi amareggerebbe ancora di più - ha affermato - ma non posso escludere niente, alcuna ipotesi, un complotto, un pasticcio dell'ultim'ora o una disattenzione». «Si possono mettere in lista persone fidate a cui si chiede la cosiddetta candidatura di servizio - ha sottolineato - ma non credo che si debba ricorrere a tutto».

«Si tratta di una situazione assurda e per questo ho chiesto accesso agli atti, sebbene ancora non li abbia ricevuti. Pertanto confido nel lavoro della magistratura».

© Riproduzione riservata