Lunedi 25 settembre 2017 20:50

Terra dei Fuochi, De Luca attacca Di Maio e la Raggi: «Sono espressione di ciuccioneria»




NAPOLI - Risale a ieri mattina la visita di Luigi di Maio alla sede del comando provinciale dei Vigili del Fuoco, durante la quale non sono mancate le frecciatine all'attuale amministrazione regionale della Campania in merito alla questione Terra dei Fuochi. La risposta del presidente della Regione, Vincenzo De Luca, non si è fatta attendere e dal salotto di Lira Tv ha rilanciato le accuse al mittente: «Luigino Di Maio non è pronto per il confronto, è espressione della qualità umana che Eduardo definiva ciucciaria». Pesante e cinico come al solito, il numero uno di Palazzo Santa Lucia ha accusato il deputato pentastellato di aver glissato i numerosi inviti ad un dibattito pubblico su diversi temi. Poi raddoppia attaccando Virginia Raggi e la sua neonata amministrazione romana: «Abbiamo avuto bellissima copia della loro capacità amministrativa. Hanno organizzato un pic-nic al Campidoglio, appollaiati a fare una bella festa. La Raggi ha mentito: non ha presentato la giunta prima del voto, che avrebbero detto i romani della Muraro, consulente dell’azienda di pulizia della città: questa sarebbe l’innovazione? E' stato nominato un commercialista milanese che impiegherà due anni per capire dove si trova, che messaggio si dà ai dipendenti dell’Ama essendo esperto di liquidazione di società? Poi ha impiegato 20 giorni per nominare la giunta, infine è venuto fuori il copia e incolla sulle dichiarazioni programmatiche. Più passa il tempo, più hanno modo per screditarsi». ©Riproduzione riservata