Sabato 23 settembre 2017 07:35

De Luca: «Ci si diverte a massacrare persone. Sanità? Primari utili per le elezioni»




E' arrivato il momento di togliere i sassolini dalle scarpe per Vincenzo De Luca,  All'indomani della sua assoluzione nel processo per la realizzazione del termovalorizzatore a Salerno, il presidente della Regione Campania va all'attacco: «Siamo in un paese in cui ci si diverte -ha detto il governatore in conferenza stampa - più a massacrare le persone piuttosto che a rispettarne la dignità». Nella conferenza stampa sul tema della sanità in Campania all'indomani dell'indagine della Corte dei conti, il Governatore si sofferma sulla conclusione del processo a suo carico. Ringrazia i giudici e «l'autonomia della magistratura», ma va giù duro sui suoi detrattori. «Se la Costituzione ti chiede di aspettare i tre gradi di giudizio - aggiunge - hai il dovere di farlo, diversamente si tratta di essere incivili. E' andato crescendo un modo del dibattito pubblico irrispettoso di un paese civile e di uno stato di diritto». Poi, è passato all'argomento sanità, proseguendo con la stessa durezza. «Alcuni primari ospedalieri sono utili per le campagne elettorali, non c'è nessun controllo sull'andamento della sanità e penalizzazione del diritto dei pazienti di essere curati», afferma De Luca, che aggiunge «abbiamo avuto conferma che non sono state rispettate le regole in Campania non c'era alcuna struttura di controllo della Regione sul settore, facendo un uso privato delle strutture sanitarie aumentando clientele politiche e non curando i pazienti. Nessuno controllava nulla». I controlli, prosegue, «avrebbe dovuto farli l'Arsan, l'abbiamo eliminata prima di venire a conoscenza dell'indagine, era un ente inutile e clientelare. Adesso si volta pagina, è finita una storia». © Riproduzione riservata