Giovedi 17 agosto 2017 05:47

Primarie Napoli, Giovani Democratici all’attacco con manifesto ispirato ad Hitchcock




NAPOLI - Una giovane donna che urla terrorizzata sotto la doccia. Non si tratta dell'ultimo fatto di cronaca nera, ma del manifesto divulgato dai Giovani Democratici napoletani che, in vista di un'eventuale corsa alle primarie, hanno voluto far polemica sfruttando una delle immagini più famose del cinema di Hitchcock. Filtro rosso e il primo piano di una urlante Vera Miles fanno da sfondo alla scritta "Chi ha paura delle primarie?". Una provocazione a quella puntuale mischia che si crea ogni qual volta il Partito Democratico si trova a dover trovare un accordo per un candidato comune: i Giovani Democratici, tuttavia, prendono una posizione nettamente favorevole allo strumento della scelta di un nome attraverso le primarie di partito. Fanno anche ironia sulla candidatura di De Magistris «Sue elezioni? Come i provini per il Grande Fratello?» si domandano ironicamente. Intanto all'incontro tenutosi ieri intitolato "Cambiando Napoli" - a cui hanno partecipato anche il deputato Leonardo Impegno e il consigliere regionale, Gianluca Daniele - Assunta Tartaglione, segretaria regionale per il Pd, ha fatto sapere «Ci sono tutte le condizioni per fare in modo che la nuova classe dirigente del Pd partecipi alle primarie - ma avverte - l'importante è che il partito unito sostenga la scelta.» E se allo scontro partecipasse anche Antonio Bassolino? La Tartaglione sembra sicura che la questione «non sarà generazionale, ma sarà uno scontro tra competenze». Tuttavia, per la deputata le primarie possono anche esser messe da parte se prima si trova una «persona preparata e con un programma in grado di catturare la fiducia degli elettori, come accaduto alle regionali. Il nostro principale antagonista è il partito dell'astensione». La sfida, data la diversità voci che si alzano dal coro, sembrerebbe ardua e la Tartaglione non si sbilancia e fa un passo indietro, dichiarando che il Pd sta compiendo «un grande lavoro per fare sintesi su un nome unitario, altrimenti lo statuto dice che esiste lo strumento delle primarie. Mi auspico che ci sia un partito unito o daremo spazio alla vittoria di De Magistris e della demagogia». ©Riproduzione riservata