Lunedi 25 settembre 2017 08:20

Il Consiglio comunale di Napoli dopo 22 ore di seduta approva il Bilancio previsionale 2015




NAPOLI - Si è concluso stamattina alle 06:45, dopo quasi 22 ore di seduta, il Consiglio comunale di Napoli che ha approvato con 22 si, 3 no e 2 astenuti il Bilancio previsionale 2015. Prima dello scioglimento, il Consiglio ha approvato la delibera relativa alla permuta della caserma Nino Bixio per l’ampliamento della Nunziatella. Presieduto da Raimondo Pasquino, il Consiglio ha continuato nella notte l’esame degli ordini del giorno presentati dal Pd: il primo, contenente l’impegno a modificare il regolamento delle Municipalità in sintonia con quanto previsto dallo Statuto della città metropolitana, dopo un confronto con interventi di molti consiglieri, è stato approvato a maggioranza. Sono poi stati approvati: la mozione (trasformazione di un emendamento Borriello) perché siano garantite con il riequilibrio maggiori risorse alle Municipalità, gli ordini del giorno (a firma Fiola) per intervenire con adeguati servizi per rafforzare la pulizia e per la vigilanza della Galleria Umberto I, a realizzare un impianto semaforico pedonale alla II traversa Leonardo Bianchi, gli ordini del giorno (primo firmatario Attanasio) per verificare la rimodulazione dell’importo della tassa di soggiorno e per stanziare fondi per la messa a dimora di nuove essenze arboree, per stanziare fondi per la mobilità ciclabile e per l’irrigazione automatica, e a destinare proventi della tassa di soggiorno all’assessorato al Turismo. Approvati, ancora, diversi ordini del giorno proposti dal gruppo di Federazione della Sinistra sulla semplificazione del sistema di raccolta differenziata con maggiori informazioni ai cittadini e l’intensificazione dei controlli (primo firmatario Izzi), sulla valorizzazione dell’archivio storico dell’Annunziata (attraverso l’organizzazione di eventi mirati), sul ripristino del servizio del bus “Pollicino” che collega piazza del Gesù ai Quartieri Spagnoli, sull’implementazione di un servizio navetta dalla stazione metropolitana più vicina fino a Capodimonte (prima firmataria Coccia), sull’istituzione di un tavolo di trattativa per trasferire a titolo oneroso cespiti del Comune di Napoli ai Comuni in cui sono presenti immobili comunali, a finanziare le attività dell’Osservatorio permanente sul Centro storico, a riconoscere la centralità di Napoli Sociale (Coccia e Izzi). A firma del consigliere Guangi approvati interventi sui marciapiedi di via Pietro Piovani, a firma del consigliere Frezza uno sul monitoraggio nei confronti di Asia per verificare il concreto rispetto del contratto di servizio e per l’applicazione di penali in caso di inadempienze rispetto ai termini contrattuali, a firma del consigliere Castiello per l’istituzione di una università degli antichi mestieri nel territorio della Settima Municipalità, a firma dei consiglieri Borriello e Fiola per finanziare in sede di riequilibrio la sicurezza dei mezzi pubblici cittadini, per il rispetto di limiti qualitativi nella nomina del vice comandante della polizia locale. A firma del consigliere Rinaldi, con un’aggiunta del consigliere Parisi, per la riapertura di Salita Scudillo chiusa a causa di una frana, l’ordine del giorno è stato votato per parti separate delle quali la prima è stata approvata (quella che richiede la riapertura della strada), la seconda respinta (quella che proponeva uno stanziamento economico). Addio, sull'acquisizione al demanio alcune strade del quartiere Secondigliano.Palmieri e Santoro per l’incremento del fondo di gestione dei beni patrimoniali, per condizioni di sicurezza degli immobili Erp via dello Scirocco 55 e di via della Bussola, per il ripristino della pavimentazione dissestata del Centro Direzionale, per la costituzione di un gruppo di lavoro per lo studio di migliori condizioni di accoglienza per i migranti. Borriello, in una riformulazione elaborata con l’assessora Pace e il consigliere Lebro, sullo scorrimento ulteriore delle graduatorie degli idonei ai concorsi. Approvati anche altri tre ordini del giorno: uno a firma Moretto, per misure di assistenza alla piccola Irene, sottoposta a trapianto di cuore presso il Sant’Orsola di Bologna, uno a firma di Castiello per l’installazione di giostrine per bambini alla via Cupa Santa Cesarea, l’ultimo a firma Borriello sugli edifici in cui operano le imprese di trattamento e recupero di materiali metallici. E’ stata quindi approvata una mozione generale, firmata dai gruppi di maggioranza, è stata approvata a maggioranza, all’unanimità è stata approvata una mozione a firma Grimaldi, Maurino e Parisi, sull’impiego di risorse per servizi rivolti all’inclusione sociale, a maggioranza è stata approvata la mozione di Federazione della Sinistra per la pulizia dei monumenti, la mozione a firma di Caiazzo sulla programmazione territoriale e la qualità urbana è stata approvata all’unanimità, la mozione con primo firmatario Frezza per installare rotatorie in piazza Ottocalli e in Largo Caduti Vigili del Fuoco è stata approvata a maggioranza. Sempre a maggioranza è avvenuta l’approvazione delle mozioni a firma del consigliere Varriale sull’ultimazione dei lavori di ripristino dei locali interni della Galleria Principe di Napoli e procedere entro il 31 ottobre alla definizione e pubblicazione di un bando per l’assegnazione dei locali, sull’impiego di 33 milioni destinati all’acquisto di alloggi destinati alle fasce sociali deboli, approvata la mozione, primo firmatario Formisano, per una seduta monotematica sul problema del futuro dell’Ippodromo di Agnano. Lungamente discusso un emendamento alla Relazione previsionale e programmatica con la proposta di proroga fino al 30 settembre 2015 della convenzione con la società sportiva Calcio Napoli, in modo da consentire al Consiglio di discutere della convenzione-ponte per l’affidamento dello Stadio San Paolo per la durata della procedura connessa all’ammodernamento dell’impianto, è stato approvato con appello nominale (con 27 sì, 9 no e 1 astenuto). Dopo la votazione il sindaco Luigi De Magistris ha preso parola ringraziando il personale presente:  il presidente Pasquino, l’assessore Palma e l’assessore Fucito, la maggioranza, i consiglieri Russo, Schiano e Luigi Esposito che, pur avendo fatto scelte diverse in questi anni, hanno dimostrato responsabilità, il consigliere Castiello per l’espressione dell’astensione. Ha criticato, poi, Lettieri, presente solo per poco tempo in Consiglio, mentre ha apprezzato l’opposizione che è stata presente in Aula, il Pd e Attanasio che hanno tutti contribuito, seppure in modo diverso, al lavoro positivo che il Consiglio ha compiuto. Ha invece criticato le posizioni di Sinistra in Movimento (Vasquez e Rinaldi) che tra l'altro hanno in svariate occasioni cercato di far cadere l'amministrazione. «Da settembre - ha aggiunto -  l'esperienza amministrativa riprenderà con maggiore vigore. Questo bilancio da poco approvato è un buon bilancio, non approvarlo sarebbe stato molto grave per la città di Napoli. In tal senso, visti i diversi tentativi negli ultimi mesi di farci cadere, facendo mancare il numero legale in momenti decisivi, non farò alleanze con un centro-sinistra allargato. Io voglio solo parlare al mio popolo e all'intera città di Napoli». © Riproduzione riservata