M5S, la denuncia dell’attivista: «Sospeso con l’accusa di aver aderito a un gruppo segreto su Facebook»




NAPOLI - Guai in vista per il Movimento cinque Stelle, finito ancora una volta nell'occhio del ciclone in seguito alle polemiche scatenate dalle denunce di alcuni attivisti, sospesi con effetto immediato dal movimento con l'accusa di aver aderito ad un gruppo segreto presente su Facebook sotto la denominazione "Napoli libera". «Con l’accusa di aver partecipato ad un gruppo segreto su Facebook ci escludono in trentasei dalle candidature». Questa la denuncia lanciata sullo stesso social network da Vincenzo Russo, attivista di Pianura raggiunto negli scorsi giorni da una email del Movimento recante come oggetto «Sospensione con effetto immediato». «Le scriviamo in nome e per conto di Beppe Grillo con riguardo ad alcune segnalazioni che ci sono pervenute - recita la mail - Ci risulta che Lei ha partecipato al un gruppo segreto "Napoli libera", realizzato allo scopo di manipolare il libero confronto per la formazione del metodo di scelta del candidato sindaco e della lista per le elezioni amministrative che avranno luogo a Napoli nel 2016. Questo comportamento è contrario ai principi del MoVimento, ribaditi nel Non Statuto, che vieta categoricamente qualsiasi organizzazione intermedia, comunque realizzata e denominata, che falsi l’efficiente ed efficace scambio di opinioni e libero confronto democratico. Per questo motivo viene sospeso con effetto immediato dal MoVimento 5 Stelle. Se pensa che questa decisione sia basata su informazioni non corrette può inviare le Sue controdeduzioni entro 10 giorni a questa email». La stessa mail sarebbe stata indirizzata ad altri 35 attivisti napoletani, la cui posizione sarà oggetto nei prossimi giorni di un'attenta valutazione da parte del direttorio campano guidato da Roberto Fico che, a poche settimane dalla bufera politico-giudiziaria di Quarto conclusasi con le dimissioni del sindaco Rosa Capuozzo, si trova a dover fare i conti con un'altra vicenda destinata ad esercitare un forte clamore mediatico, proprio mentre si registrano le ultime disponibilità alla candidatura per la lista napoletana del Movimento. © Riproduzione riservata