Lunedi 18 dicembre 2017 13:58

Candidati a loro insaputa, duro attacco di Fico alla Valente: «Si dimetta immediatamente»
«Come è possibile che non si sia mai fatta una riunione con tutti i candidati e che la candidata sindaco non abbia avuto l'interesse di conoscere i componenti della lista che riportava il suo slogan?»

09 febbraio 2017



NAPOLI - «Napoli non merita questo trattamento da nessuna forza politica. Che il Pd napoletano ne tragga le conseguenze più in fretta possibile semmai con delle dimissioni per scarsezza d'amore». Così il deputato del Movimento 5 Stelle campano Roberto Fico si è espresso in un post commentando la vicenda delle nove persone presenti nella lista "Napoli Vale" che sarebbero state candidate senza esserne a conoscenza.

Articoli correlati

Napoli, ragazza disabile candidata a sua insaputa alle elezioni
Ragazza down candidata a sua insaputa, la Procura apre un fascicolo
Candidata a sua insaputa. Appello a Renzi: «Intervenga sulla vicenda»
Listopoli a Napoli, Valente: «Non escludo nulla, neanche il complotto»
Listopoli, lo sdegno di Bassolino: «Assurdo che il Pd resti in silenzio». De Magistris: «Noi non facciamo politica a "sua insaputa"»
Listopoli a Napoli, la Valente sarà ascoltata come persona informata sui fatti
Candidati a loro insaputa: c'è un primo indagato
Napoli, primo avviso di garanzia per listopoli: indagato Madonna

«Al di là delle implicazioni giudiziarie su cui si indaga, c'è anche un fattore politico da analizzare. Una lista di candidati per le elezioni comunali è composta da poche decine di persone. Come è possibile che non si sia mai fatta una riunione con tutti i candidati e che la candidata sindaco non abbia avuto l'interesse di conoscere i componenti della lista che riportava il suo slogan? Come è possibile - chiede Fico - che non ci sia stato un controllo? Questo significa non essere seri e non amare la propria città. E conferma che non è possibile fare, come accaduto in questo caso, il parlamentare della Repubblica italiana e il candidato sindaco di una grande città se, tra le conseguenze, c'è anche quella di non riuscire a conoscere le persone che ti sostengono, persone che potrebbero essere in futuro la tua maggioranza in Consiglio».

© Riproduzione riservata