Lunedi 25 settembre 2017 10:00

Scuola: cattedra a Napoli per la moglie di de Magistris, è subito polemica




NAPOLI - Maria Teresa Dolce, moglie del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, assunta presso una scuola napoletana e scatta la polemica. La notizia è stata evidenziata nelle scorse ore da Dagospia, con tanto di sarcastico confronto col caso di Agnese Renzi, moglie del premier, anche lei approdata quest’anno a un incarico di ruolo a Firenze. Immediata la replica della signora Dolce: «Lo stavo aspettando, ero informata di tentativi di trovare qualcosa di losco nella mia vicenda professionale, come del resto fanno da anni, nelle nostre vite. La legge non l'ho certamente scritta io nè mio marito. E' un'ordinanza ministeriale, del Governo Renzi, notoriamente in idillio con il sindaco di Napoli». «Mio marito non solo ha attaccato pesantemente la legge - sottolinea - ma ha anche partecipato a iniziative organizzate dalle associazioni di insegnanti. Basta cercare, si trova». Poi la Dolce ha spiegato: «Sono stata assunta dal concorso del 2012, non dalle Gae (Graduatorie ad esaurimento). Le “deportazioni” riguardano gli assunti da Gae, quindi non me. L’ordinanza sulla mobilità del 2016 prevede infatti che gli assunti dal concorso del 2012, dalla graduatoria di merito, restino nella provincia di nomina».