Sabato 23 settembre 2017 02:26

Pazienti a terra all’ospedale di Nola, Caldoro: «Inutile prendersela con i medici. Non servono capri espiatori»

10 gennaio 2017



NAPOLI - «Non ve la prendete con i medici e con il personale sanitario, non servono capri espiatori. Soprattutto loro sono vittime di una situazione oggettivamente difficile della nostra sanità pubblica. Si sacrificano più di altri professionisti di altre Regioni». Così in un post Stefano Caldoro, capo opposizione di centrodestra in Consiglio regionale della Campania, si è espresso sul caso dell'ospedale di Nola, dove alcuni ammalati sono stati curati per terra, dando di fatto ragione al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

Articoli correlati

Ospedale di Nola, malati adagiati a terra. Lorenzin manda i Nas
Pazienti a terra all'ospedale di Nola, De Luca: «Pronto il licenziamento dei responsabili del pronto soccorso»
Ospedale di Nola, sospesi tre medici del pronto soccorso. Lorenzin: «Chi opera in queste condizioni sono eroi»
Caso ospedale Nola, de Magistris: «De Luca è stato di parola: via le barelle e i malati tutti giù per terra»

«Si deve lavorare  - conclude Caldoro -  insieme con impegno, solidarietà e continuità, con olio di gomito senza scegliere facili scorciatoie o velleitari e dannosi annunci. Bisogna coinvolgere tutti. Serietà ed impegno quotidiano per migliorare l'offerta di sanità ai nostri cittadini».

© Riproduzione riservata