Martedi 26 settembre 2017 13:08

Patto per Napoli, de Magistris chiarisce: «Nessun avvicinamento politico con Renzi»




NAPOLI - «Chiariamolo una volta per tutte: un avvicinamento politico con Renzi non c'è e non esiste. Anzi è sempre più ampia la divergenza, basta vedere le posizioni sul referendum». Così il sindaco di Napoli,Luigi de Magistris, a margine delle dichiarazioni post elezioni del Consiglio della Città Metropolitana, ha risposto perentorio ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare il riavvicinamento al presidente del Consiglio dopo il "gelo" tra i due al Teatro san Carlo la sera del 12 settembre scorso dopo il rifiuto del primo cittadino di incontrare il premier perché in compagnia di Salvo Nastasi, commissario per Bagnoli.

«Se restano, dunque, le divergenze politiche, altra cosa sono i tavoli istituzionali perché - spiega de Magistris - si comincia a discutere nel merito dei dossier. Quel che è certo è che le risorse del Patto per Napoli devono essere aggiuntive».

«Prima di firmare qualunque atto dobbiamo capire se sono patti o "paccotti" - ha aggiunto il primo cittadino di Napoli - Ci stiamo confrontando ma ci sono dei problemi. Ci sono i fondi per la metropolitana, i fondi europei, ma il Patto per Napoli è qualcosa in più. Dobbiamo evitare che le risorse siano sempre le stesse. Se ad esempio nel Patto ci sono le stesse risorse della programmazione 2007-2013 destinate alla metropolitana, le stesse che non ci sono state date da Caldoro né da De Luca, allora non è un patto per Napoli ma una riallocazione sempre degli stessi soldi. Ecco perché è importante il tavolo a Palazzo Chigi. Ogni dossier deve avere la sua autonomia».

Il sindaco ha poi assicurato che se «questa cosa si chiarisce in 2/3 pochi giorni allora… i tempi per la firma saranno molto rapidi. A me - ha infine ribadito - del rapporto con Renzi interessa solo se porta risultati alla città, se si mantiene l'autonomia e non stiamo a farci fare fessi, da nessuno».

© Riproduzione riservata