De Magistris sul fotomontaggio interista: «Infangano la mia fede per il Napoli. Menzogne per screditarmi»




NAPOLI - Non si è fatta attendere la risposta di de Magistris ai manifesti apparsi questa mattina nel centro di Napoli che lo accusavano di non aver mantenuto le promesse sul riammodernamento dello stadio San Paolo e di nascondere una passione per la squadra nerazzurra di Milano. Attraverso la sua pagina Facebook, de Magistris ha puntualizzato: «Infangano la mia assoluta fede calcistica per il Napoli per costruire menzogne, per screditarmi. Danno del bastardo a chi sta restituendo dignità alla città». «Sullo stadio - puntualizza - dicono il falso perché solo grazie alla nostra delibera la prossima estate cominceranno i lavori per il San Paolo. Noi puliamo la città dai disonesti». Nel post compare anche uno screen della pagina di Gianni Lettieri in cui lancia un appello contro i manifesti abusivi. Lettieri non viene nominato ma appare chiaro che de Magistris ricolleghi al candidato sindaco del centro-destra i manifesti del fotomontaggio a tinte nerazzurre. «Noi abbiamo mani pulite - continua Luigi de Magistris -  abbiamo cacciato la camorra dei colletti bianchi e la corruzione da Palazzo San Giacomo e lavoriamo per la gente senza potere. Altri come argomento hanno solo il dileggio e la diffamazione. Noi puliamo la città dai disonesti, loro la sporcano con violenza e odio. Solo tecniche squadriste». A stretto giro, come è ormai di consuetudine in una campagna elettorale fatta a suon di post e like, è arrivata la risposta, a caratteri cubitali, di Gianni Lettieri: «Provvederemo a querelare chi, come lo stesso de Magistris, in queste ore, sui social network sta provando ad avvicinare il nostro staff a chi attacca manifesti abusivi. Si tratta della solita macchina del fango, questa volta alimentata in maniera goffa e vergognosa di cui risponderanno in tribunale tutti». © Riproduzione riservata