De Magistris: «Non ci sarà mai una coalizione con il Pd»

14 giugno 2017



NAPOLI - «Se ci saranno primarie di coalizione con i dem, e se ci sarà quindi una coalizione che avrà il Pd come architrave, noi ne staremo alla larga. Non sarebbe coerente mettersi con il Pd: con loro non si può fare nessun programma nuovo e credibile, e la questione vale anche per altri. Noi non abbiamo esigenze di mandare qualcuno in Parlamento e non vogliamo far parte di un puzzle sgangherato né trovarci su un palco con D'Alema o Bassolino: abbiamo storie troppo differenti». Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un'intervista al Corriere della Sera. «Pisapia è una persona perbene, ma sul referendum ha sbagliato a schierarsi per il sì e oggi sbaglia se punta a far spostare il Pd verso sinistra, spingendolo ad alleanze diverse da quelle con Alfano e Verdini», ha aggiunto.

Alla domanda che si non esclude la possibilità di una presenza di demA in una lista di sinistra il sindaco ha risposto: «Anche se nascerà una lista di sinistra con riferimenti credibili DemA non ne sarà un soggetto promotore. Il nostro progetto è un altro».

«Candidarmi a premier? Napoli è l'esempio che si può coniugare il cambiamento con l'affidabilità di governo»

De Magistris ha poi ribadito la sua intenzione di candidarsi premier tra 5 anni: «La sfida è quella. Oggi Napoli è diventata un soggetto politico. Stiamo dimostrando che si può coniugare il cambiamento radicale con l'affidabilità di governo, a differenza dei 5 Stelle che a Roma mi pare non si siano rivelati tanto affidabili. Con l'attuale governo, poi, abbiamo mostrato un profilo istituzionale che ci è ampiamente riconosciuto: è giusto voler provare a riproporre a livello nazionale un'esperienza positiva ed entusiasmante».

© Riproduzione riservata