Sabato 16 dicembre 2017 08:19

De Magistris fantastica da premier contro Salvini: «Se dovessi candidarmi lo farei per unire l’Italia»

16 marzo 2017



NAPOLI - «Se dovesse capitare a me, dopo l'esperienza da sindaco, ma è tutto da vedere, di candidarmi alla guida del Paese lo farò per unire l'Italia nelle sue diversità, perché io voglio un'Italia unita, ma diversa, con le sue autonomie, ricchezze, città, borghi, l'Italia dei movimenti, comitati, delle associazioni, dei tanti amministratori, anche in un'ottica di attuazione dei valori della Costituzione». Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, sognando da premier  ribadisce le sostanziali differenze tra le sue idee politiche e quelle del leader della Lega Nord, Matteo Salvini.

«Farei l'esatto opposto di Salvini che con le sue politiche discriminatorie va contro i principi di fratellanza, uguaglianza, libertà e solidarietà. Paragonarmi a lui lo considero politicamente non corretto. Si candida a guidare il Paese, fingendo di essere un leader nazionale - ha concluso - ma in realtà lo fa per dividere l'Italia in maniera definitiva, concentrando tutto il potere finanziario ed economico al Nord».

Parole queste che non danno per certo che il sindaco voglia candidarsi una volta terminata la sua mission di primo cittadino a Napoli, ma non è detto che non stia accarezzando l'idea.

Articoli correlati

De Magistris: «Impegnarmi sul fronte nazionale? Se ne parla nel 2021»
© Riproduzione riservata