Lunedi 25 settembre 2017 10:02

Terrorismo, De Magistris «A Napoli non ci sono motivi di preoccupazione»




NAPOLI - «A Napoli non ci sono motivi di preoccupazione particolari fermo restando che è a rischio il mondo interno. Nessuno si può tirare fuori». Lo ha dichiarato il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, in merito all'allarme terrorismo scattato in tutta Europa a seguito degli attentati a Parigi. De Magistris, a margine di un convegno, ha poi annunciato che nei prossimi giorni il Comune si farà promotore e co-organizzatore di una serie di iniziative di solidarietà verso il popolo francese «per rafforzare le ragioni del dialogo, della comprensione e della pace». «Napoli - ha aggiunto il sindaco - è città dell'ascolto, che abbatte le mura. Necessario dare segnali diversi, cercare di diminuire i focolai di indifferenza, di odio, di incomprensione e di intolleranza. Necessario, quindi, è aumentare le ragioni del dialogo». De Magistris ha poi invitato a utilizzare un linguaggio che «non fomenti guerre di religione e lavorare per costruire un Mediterraneo diverso. Noi - ha aggiunto - ci impegneremo in questo per mettere insieme quelle persone che oggi qualcuno vuole dividere per acuire ancora di più le insofferenze e creare anche inconsapevolmente ulteriori focolai di odio e violenza». Per il sindaco di Napoli, inoltre, si deve «rivedere completamente la politica estera dal momento che sono fermamente convinto che le guerre del recente passato sono state sbagliate, incostituzionali per l'Italia e che l'Isis è anche un effetto collaterale di alcune di quelle guerre. La comunità internazionale risolva le controversie, ma non con la guerra. Si devono usare i canali diplomatici coinvolgendo i territori e non avendo la presunzione di portare democrazie occidentali perché ogni popolo ha la sua storia». © Riproduzione riservata