Mercoledi 22 novembre 2017 15:37

Furioso de Magistris fa appello al Governo: «Fermi le stese di camorra»
Il sindaco de Magistris senza giri di parole ha richiamato il Governo perchè intervenga efficacemente contro le stese di camorra a Napoli. «Chiedo allo Stato di fare il proprio dovere perchè contemporaneamente alla crescita economica in città legata al turismo c’è un aumento delle estorsioni, degli scippi e delle rapine»

19 maggio 2017



NAPOLI - «A Napoli non ci sono forze sufficienti per combattere la criminalità. Questa è una responsabilità dello Stato e il Comune non farà più da parafulmine su questo». A dirlo è il sindaco partenopeo Luigi De Magistris ribadendo un concetto che, secondo il suo punto di vista, è rimasto «inascoltato da sei anni».

«Il Comune - ha aggiunto - pretende, contro la prepotenza delle stese di camorra, l’intervento dello Stato. Basta, quindi, passerelle, basta proposte che si sono dimostrate inutili come avevamo detto un anno fa quando venne il ministro dell’Interno Angelino Alfano». Poi riferendosi all’intervento dell’Esercito ha continuato «per l’ex capo del Viminale, sarebbe stato determinante ma non lo è stato dal momento che i soldati hanno altre regole di ingaggio. Perché uomini delle forze dell’ordine vengono mandati altrove, quando ci sono Expo o altri eventi e non a Napoli? Questa è una responsabilità del Governo – ha rimarcato de Magistris – se poi mi dicono che le forze sono sufficienti, allora dobbiamo pensare che non sono adeguate. Io so, invece, che fanno un ottimo lavoro».

«Tutti sanno quello che devono fare, noi la nostra parte, al netto degli errori, la facciamo. Chiediamo agli altri di fermare le stese - in conclusione ha sottolineato -Contemporaneamente alla crescita economica in città legata al turismo c’è un aumento delle estorsioni, degli scippi e delle rapine».

© Riproduzione riservata