Mercoledi 20 settembre 2017 03:59

Napoli, Bassolino inaugura il comitato elettorale: «Inchioderemo tutti alle primarie»




«Dobbiamo inchiodare tutti alle primarie». Antonio Bassolino è carico in vista della battaglia per le primarie del centrosinistra, in programma il prossimo 7 marzo. Parole che arrivano in occasione dell'inaugurazione della sede del suo comitato elettorale alla Fondazione Chiaromonte in via Toledo 106. Bassolino è l'unico candidato alle primarie partenopee e vuole sfruttare il vantaggio. Far partire il comitato elettorale già a dicembre significa bruciare i tempi ed aprire la campagna elettorale in largo anticipo. «Sono un fondatore del partito e mi candido per essere eletto sindaco - afferma Bassolino -, guardo ben oltre il sette marzo, guardo a giugno e ben oltre. Questa sede deve essere un punto di incontro per la città dove si producono idee e proposte. Spazi culturali e sportivi, luoghi di aggregazione per i giovani e spazio per promuovere una nuova leva di giovani napoletani». Il tema del rinnovamento generazionale e della promozione delle attività per i giovani sarà centrale nella campagna elettorale di un personaggio politico vicino ai 70 anni e accusato - anche all'interno del suo partito - di appartenere alla vecchia politica. E' per questo che Bassolino, oggi più che mai, vuole apparire vicino ai giovani, puntando su altri temi caldi, come il disagio delle periferie. «Partendo da lì vogliamo cambiare la città quartiere per quartiere. Vogliamo pensare alla sicurezza civile e fisica della nostra città, sappiamo bene che Napoli non è Gomorra ma la camorra c'è e bisogna fare i conti con l'abbassamento dell'età dei baby delinquenti». Nel suo programma anche i temi caldi dell'economia: il rilancio del Porto di Napoli e il dialogo con il Governo. La sua sfida è «far capire al Pd nazionale l'importanza del Mezzogiorno». © Riproduzione riservata