Lunedi 20 novembre 2017 03:00

Primarie Pd Napoli, Orlando «Valente saprà portare la città fuori dall’incantesimo. Bassolino? E’ l’antico»




NAPOLI - «Valeria è la persona giusta per Napoli. Ho condiviso e sostengo la sua idea di candidarsi a nome di una classe dirigente. Valeria non è il volto che copre altri, è il volto di chi rappresenta tutti coloro che vogliono affrontare questa sfida che deve portare Napoli fuori dall'incantesimo». Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando all'hotel Mediterraneo a Napoli a margine della cena elettorale di sostegno alla campagna di Valeria Valente, la giovane deputata del Pd candidata alle primarie di centrosinistra per la corsa alla guida di palazzo San Giacomo. Orlando, che conosce molto bene il contesto partenopeo per essere stato commissario del partito a Napoli dopo l'annullamento delle primarie di cinque anni fa, ha sottolineato lo stato di «incantesimo» in cui tuttora si trova la città. Un incantesimo che, di fatto, mantiene una sproporzione tra le potenzialità e le effettive realtà, politiche e sociali del capoluogo campano. «Napoli deve contare di più. La candidatura di Valeria punta a evitare ai cittadini di vivere l'esperienza raccontata dal film "Il giorno della marmotta" in cui il protagonista vive sempre la stessa giornata. Valeria ha l'energia giusta per rompere l'incantesimo su Napoli». Se per Orlando la Valente rappresenta il «giusto mix tra innovazione e esperienza» Bassolino invece «l'antico come tutto quello che si ripropone dopo tanto tempo». © Riproduzione riservata