Domenica 24 settembre 2017 16:00

Chiaia, bloccato il progetto baretti: respinta la richiesta di adozione di via Bisignano

20 aprile 2016



NAPOLI - Si è conclusa con una scottante bocciatura la conferenza dei servizi tenutasi a Palazzo San Giacomo per discutere la richiesta di adozione di via Bisignano presentata dal comitato civico composto dai commercianti della zona, presieduto da Riccardo Izzo. Il progetto degli esercenti locali prevedeva, tra le altre cose, la pedonalizzazione della nota via dei baretti nel tratto che va dall'incrocio con vico dei Sospiri a quello con via Alabardieri.

L'assemblea, che ha congelato la pratica rinviando la discussione a data da destinarsi, ha registrato la netta opposizione della polizia municipale, contraria al progetto in quanto avrebbe creato ancora più confusione per la viabilità nel quartiere, considerata la rete di strade strettissime che circonda l'intera zona. Già in passato la richiesta di chiusura al traffico del tratto di via Bisignano aveva ottenuto il parere contrario del Corpo di polizia municipale, che per il tramite del suo comandante aveva fatto presente la particolare criticità dell'area sul fronte della viabilità, soprattutto in mancanza di un piano di circolazione alternativa.

Sulla questione è intervenuto con un certo disappunto anche il presidente della prima Municipalità, Fabio Chiosi, facendo notare come gli stessi rappresentanti amministrativi locali siano stati esclusi dal tavolo della discussione: «Noi non siamo stati neanche invitati alla conferenza dei servizi —sottolinea Chiosi — Il chiaro segno che fra il Comune e il Comitato ci troviamo di fronte a dilettanti allo sbaraglio, dal momento che il nostro parere è obbligatorio. Era presente solo un nostro rappresentante del servizio attività tecniche. Comunque ho letto il piano e devo dire che molte delle richieste avanzate non rientrano nello spirito di adozione delle strade. Non a caso sono state chieste molte modifiche al progetto».

Delusione e amarezza per la sostanziale bocciatura della proposta sono state espresse dal presidente del Comitato civico Bisignano, Riccardo Izzo: «La pedonalizzazione è stata bloccata e tutta la nostra richiesta è stata sostanzialmente messa all’angolo. Ci dispiace poiché questo progetto integrato avrebbe affrontato una serie di criticità della zona, a incominciare dalla raccolta dei rifiuti e ad un riassetto delle strade. Aspettiamo di essere nuovamente convocati e di ottenere tutti i pareri per portare avanti il nostro progetto». Eppure, fa notare Izzo, il progetto puntava a portare ordine nella zona attraverso un lavoro di riqualificazione che prevedeva anche l'installazione di compattatori ecologici automatici, un giardino verticale e un più moderno sistema di illuminazione.

Tirano invece un sospiro di sollievo gli abitanti della zona, da sempre contrari all'adozione della via da parte del comitato di gestori, tanto da presentare una diffida alla Procura della Repubblica, alla Corte dei Conti e al Comune di Napoli, contestando da un lato la pedonalizzazione del tratto di strada interessato e l’affidamento dell'area a soggetti che già in passato sono stati più volte denunciati per occupazione abusiva di suolo pubblico, dall'altro l'eccessiva onerosità del progetto, le cui spese di realizzazione avrebbero gravato non poco sulle casse del Comune.

© Riproduzione riservata