Venerdi 18 agosto 2017 20:22

Comune di Napoli, Idv «Con De Magistris fino a fine mandato»




NAPOLI - Da Palazzo San Giacomo si sono già alzati da un po' i venti della campagna elettorale e qualcuno ha capito che bisogna fare chiarezza su alcune controversie, come quella che vede coinvolti il sindaco Luigi De Magistris e il partito attorno al quale ha orbitato fino al 2009 vestendo i panni di europarlamentare, l'Italia dei Valori di Antonio Di Pietro. «Tempus Fugit!» recitava Virgilio e alcuni vertici del partito, riunitisi oggi nella sede partenopea per una conferenza stampa, hanno ritenuto opportuno fare chiarezza sulla vicenda del sindaco senza partiti. Così il commissario cittadino dell'Idv, Nello Formisano, il segretario regionale, Nello Di Nardo, e il consigliere regionale, Francesco Moxedano «Saremo leali con De Magistris fino alla fine del suo mandato, consentendogli di concludere la legislatura. Dopo discuteremo con le forze del centrosinistra per valutare la candidatura migliore per la città di Napoli. Tra queste forze non escludiamo quelle che nel 2011 hanno sostenuto Luigi De Magistris». Formisano guarda anche ai membri del partito che svolgono ruoli in giunta, come l'assessore al personale del Comune di Napoli, Caterina Pace, e aggiunge «Non c'è nessun rischio per l'assessore Idv in giunta» a cui si aggiunge Moxedano che rassicura l'elettorato di centro-sinistra «Anche nel 2011 quando scegliemmo di sostenere De Magistris non appoggiammo certo una coalizione di centrodestra. Alle prossime amministrative siamo e saremo sempre nel centrosinistra, sono convinto che la nostra lista sarà determinante. Nei prossimi giorni partirà una fase di ascolto per coinvolgere cittadini e simpatizzanti e di dialogo per discutere con le altre forze politiche.». Dal canto suo, Luigi De Magistris resta inflessibile e commenta così la strizzata d'occhio di Idv al Pd, il partito finito nella black-list del primo cittadino «Io faccio il sindaco di Napoli, il mio partito è il popolo, nel senso che io mi rivolgerò alla mia gente, come ho fatto in questi quattro anni e così mi rivolgerò nella prossima campagna elettorale. Poi, se ci sono partiti che mi vogliono appoggiare, lo valutiamo e ne sono più che felice, ma non me la sento di commentare il dibattito quotidiano all'interno dei partiti, che è un dibattito legittimo, ma che in questo momento non mi affascina.». ©Riproduzione riservata