Giovedi 24 agosto 2017 10:50

Giuseppe De Mita: «L’Udc è con Valente, ma il Pd faccia chiarezza al suo interno»




NAPOLI  - «Ci sono forze politiche di rilievo nazionale che a queste elezioni si presentano senza simbolo o si affidano a candidature di circostanza o stringono accordi di convenienza senza prospettiva politica. Come Udc abbiamo fatto una scelta rischiosa e di coraggio, presentandoci con il nostro simbolo, ma che vuole essere l’avvio di un percorso di progressivo rinnovamento». Così Giuseppe De Mita, vice segretario nazionale Udc intervenendo al cinema Metropolitan, nel corso della manifestazione di presentazione dei candidati della lista Udc per le amministrative di Napoli. "COALIZIONE ESPRIMA IDEE" - Per De Mita la coalizione di centrosinistra, a cui fa capo il suo partito, deve esprimere la «narrazione» di una «nuova storia». «Se la coalizione - ha proseguito il deputato Udc - si costruisce in maniera improvvisata o per giocare i tempi supplementari delle Regionali o per questioni romane, allora questa coalizione non saprà narrare nulla e non avrà alcuna prospettiva. A Valeria Valente, perciò, suggerisco di mettersi alla testa della coalizione, lasciando emergere una prospettiva politica che sia la sua, che provenga da un suo convincimento e da una sua indicazione». "IL PD CHIARISCA AL SUO INTERNO" - «In questa fase finale della campagna elettorale – ha concluso Giuseppe De Mita - bisogna avvertire l’esigenza di caricarsi di questa cifra, perché se l’obiettivo di mettere insieme forze democratiche si riduce a dar vita ad un aggregato indistinto dei responsabili, non possiamo sorprenderci che poi i napoletani applaudano al clown più bravo. Qui c’è una questione vera di rinnovamento della politica, che parte da un chiarimento serio che il Pd deve fare al suo interno. L’opinione pubblica deve poter comprendere se noi rappresentiamo l’embrione di un percorso o siamo una compagnia di ventura che il giorno dopo si scioglie. Se si sceglie questa strada di serietà, allora il punto di avvio per Valeria Valente e per questa coalizione potrà essere più solido». © Riproduzione riservata