Venerdi 22 settembre 2017 11:52

Renzi firma il patto per la Campania: «Miliardi di euro per ripartire. Facciamo le cose serie»




NAPOLI - Infrastrutture, cultura, ambiente, attività produttive, scuola, università, lavoro, il patto per la Campania appena siglato da Matteo Renzi, Vincenzo De Luca ed il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, porterà il governo a garantire importanti investimenti da qui al 2020. Miliardi di euro di fondi europei e nazionali, fondi che stavano per tornare a Bruxelles e che invece saranno recuperati e spesi in Campania. Batte forte Matteo Renzi su questo punto: «è finito il tempo in cui si buttavano via i fondi europei» . Dello stesso avviso De Vincenti: «è un segnale di impegno concreto, una svolta per le politiche del Sud». Il più soddisfatto di tutti è il governatore De Luca: «Stiamo svoltando, questa è la risposta anche alla drammatica emergenza criminalità a cui si risponde con sviluppo, infrastrutture e posti di lavoro». «Venerdì è stato firmato il decreto del ministero dell'Economia per lo sblocco dei primi 70 milioni destinati alla rimozione delle ecoballe. Sarà un caso - ha continuato De Luca - ma Renzi deve venire più spesso». Assenza eccellente quella di Luigi de Magistris a cui il presidente del Consiglio manda un segnale: «Mancano solo la città di Napoli e la Regione Puglia per chiudere gli accordi nell'ambito del patto per il Sud ma le nostre porte rimangono aperte. Finalmente si fa sul serio, l'epoca degli sprechi la mettiamo in soffitta facendo le cose serie partendo dal Mezzogiorno». © Riproduzione riservata