Venerdi 17 novembre 2017 20:13

Franceschini all’iniziativa Expo a Firenze «Bisogna essere orgogliosi di Pompei»




FIRENZE - Oggi si è svolta a Firenze, nelle sale di Palazzo Vecchio, l'iniziativa organizzata da Expo alla quale ha preso la parola anche Dario Franceschini, Ministro ai Beni e le Attività Culturali, che ha speso qualche parola (di sfogo) su Pompei «Pompei è un grande cantiere, è un cantiere perenne. Oggi ci sono 13 cantieri aperti, 9 con gare aggiudicate, è un lavoro straordinario, sono aumentati i visitatori. Bisogna denunciare ciò che non va, ma avere un po' di orgoglio per ciò che va. Spero che Expo sia l'occasione perché anche noi possiamo vedere il nostro Paese con gli occhi stupiti, come i turisti stranieri». «Pompei è la metafora di questo paese. Lo stesso giorno in cui si staccó un pezzo di intonaco, gli ispettori dell'unesco pubblicarono una relazione in cui promuovevano a pieni voti i lavori a Pompei e si congratularono per come stavamo rispettando i parametri di manutenzione del sito - ha detto - Chiamai tutti i direttori dei telegiornali per comunicar loro che accanto alla cattiva notizia ce n'era una buona. Ma ovviamente alla buona notizia non fu dato risalto» Un piccolo sfogo riguardo uno dei tanti 'casi' di Pompei, che coincise con i risultati delle perizie svolte dall'Unesco. Infondo, non c'è nulla di sbagliato nella considerazione del Ministro, se non fosse che talvolta i fatti 'parlano' almeno quanto la carta. Al di là della questione, insomma, Franceschini ha voluto concludere così «Il punto è proprio questo: va bene la protesta, va bene evidenziare quello che non va. Ma a volte un po' di orgoglio per quello che funziona non guasterebbe». ©Riproduzione riservata