Domenica 19 novembre 2017 11:32

Bassolino candidato del Pd a Napoli, Orlando: «E’ un nome forte»




NAPOLI - Quando si parla delle elezioni comunali per la città di Napoli nessuno vuol cedere il passo agli avversari: da un lato c'è l'attuale sindaco, Luigi De Magistris, aspramente schierato contro le scelte del Pd, che ha dichiarato di voler correre da solo, senza alleanze - e che probabilmente sarà abbandonato da Idv, il partito attorno al quale orbitava agli esordi; dall'altro, c'è il Partito Democratico, col compito di riconquistare la città di Napoli e che potrebbe contare sull'appoggio delle minoranze del centro sinistra per la nomina di un candidato unico, in rappresentanza di tutta la categoria. Intanto da Roma, Roberto Fico, il parlamentare pentastellato presidente della commissione di Vigilanza Rai, ha fatto sapere che il Movimento si accoderà alla corsa verso Palazzo San Giacomo e che, soprattutto, non accetterà alcun compromesso: anche i grillini, come l'attuale sindaco, saranno soli. «Non faremo alcuna alleanza, correremo da soli» così Roberto Fico, che accende anche lo scontro politico annunciando che già la prossima settimana ci sarà una riunione finalizzata a redarre i primi dieci punti di un eventuale programma elettorale. Tuttavia, nessuno fa ancora nomi anche se, solo un mese fa, si ipotizzava un eventuale ritorno in scena di Antonio Bassolino per il Pd. Un nome forte, seppur controverso, che non ha trovato ancora conferma definitiva e per il quale non ci si esprime, se non per grandi giri di parole. «Penso che la candidatura di Bassolino abbia una sua legittimità e forza sulla base dell'esperienza amministrativa che ha messo in campo negli anni passati.» così il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, che a sbilanciarsi ci vuol pensare prima due volte «Sta alla nuova generazione del Pd napoletano promuovere forme di innovazioni competitive. Quindi credo che la forza degli elementi di innovazione sia la base per misurare la capacità di proposta e non mettendo dei veti». Tuttavia, ammette che un ritorno di fiamma per l'ex-sindaco di Napoli sarebbe sicuramente ben accetto «Bassolino alza l'asticella e le nuove candidature devono fare un salto più alto. Questo è il tipo di competizione di cui abbiamo bisogno». ©Riproduzione riservata