Domenica 20 agosto 2017 06:11

Elezioni Napoli, De Magistris è sicuro: «Vinciamo al primo turno»




NAPOLI - Manca poco all'apertura ufficiale della campagna elettorale per la corsa alle amministrative 2016 per la città di Napoli, in merito alle quali i cittadini sono invitati a recarsi alle urne il prossimo 5 giugno per esprimere il proprio voto nei confronti dei candidati alla carica di sindaco. Si preannuncia una sfida tesissima, soprattutto alla luce del fatto che le sorti dello scontro potrebbero influire direttamente su scenari anche extraterritoriali. Se da un lato il Pd si gioca il tutto per tutto con la candidata Valeria Valente, mentre dall'altro c'è Gianni Lettieri che, raccattando voti dal centrodestra locale - risale ad oggi l'annuncio dell'appoggio al capo dell'opposizione comunale da parte di Nonno e Moretto di Fdi - si colloca, secondo un sondaggio stilato da Ipr Marketing e Tecnè una settimana fa, a meno tre punti percentuali da De Magistris (fermo al 32% secondo Ipr e a 31% secondo Tecnè). Seguono la Valente, al terzo posto con il 21% e l'improbabile candidato del M5s, Antonio Brambilla (13 e 16% secondo i due istituti di ricerca). Dati che sembrano essere perfettamente in consonanza col clima politico che si respira in città. Così, infatti, Luigi De Magistris si è espresso a margine della visita all'ambulatorio di Emergency, svoltasi questa mattina a Ponticelli: «Mi sento molto carico, inizia un'avventura straordinaria, affascinante, piena di motivazioni, piena di energie». E dimostra una certa sicurezza anche quando auspica alla creazione di «un'onda lunga che ci porti fino al 5 giugno e a vincere al primo turno le lezioni a sindaco di Napoli». Tanta grinta e voglia di vincere al primo turno per dare «prova della potenza e della forza della città. Noi non ci candidiamo da amministrazione per conto di una parte, ma per conto di tutti i napoletani che vogliono il riscatto definitivo di Napoli - ha sottolineato il sindaco - per continuare la rivoluzione andando in controtendenza rispetto al sistema della politica nel nostro Paese, continuando a farlo con le mani pulite, con coraggio con autonomia passione e con tante energie». «Da domani - conclude De Magistris - tutti quelli che credono in questa rivoluzione, in questo cambiamento, al fatto che il Napoli possa diventare sempre di più capitale del riscatto morale e del riscatto politico non solo di Napoli ma del nostro Paese, si impegneranno al massimo per coinvolgere il maggior numero di persone possibile». ©Riproduzione riservata