Giovedi 24 agosto 2017 08:41

Quinta municipalità, illegittimità del Consiglio: scatta la denuncia del grillino Peluso




NAPOLI - Il consigliere del Movimento 5 Stelle della V municipalità di Napoli, Arenella-Vomero, Mariano Peluso, stanco delle continue violazioni del regolamento previsto all'interno della municipalità, spesso accettate di buon grado persino dal presidente Mario Coppeto, ha deciso di denunciare l’illegittimità del Consiglio municipalità. «Ho presentato un esposto alla polizia municipale - spiega - perchè queste ripetute violazioni del regolamento permettono all’assemblea di riunirsi illegittimamente e di far scattare il gettone di presenza, i permessi e la retribuzione ai consiglieri che hanno un lavoro dipendente e che puntualmente si presentano in aula in ritardo». «Lo stesso esposto sarà indirizzato anche alla Prefettura di Napoli - aggiunge Peluso - Durante l’ultima riunione del Consiglio le violazioni del regolamento sono state palesi ed hanno colto di sorpresa anche i cittadini presenti. Il presidente Mario Coppeto, ha atteso l’arrivo di tutti i ritardatari prima di verificare il numero legale. Una palese violazione dell’articolo 37 del regolamento interno del Consiglio della quinta municipalità, cui mi sono opposto nel totale disinteresse dei presenti«. «Se esiste un regolamento va rispettato – conclude perentorio - inoltre l’ordine del giorno era puramente informativo, nato a seguito del malfunzionamento delle scale mobili che spesso creano disagi ai cittadini di una certa età. Mi chiedo che senso abbia convocare un Consiglio se non ci sono atti da deliberare. Per informare i cittadini di un malfunzionamento di due rampe di scale mobili non ci vuole certo un Consiglio municipale ma basta convocare un’assemblea cittadina che non prevede alcun esborso da parte del Comune per pagare i consiglieri, l’assessore e il presidente». © Riproduzione riservata