Mercoledi 16 agosto 2017 23:48

La Maschera, da domani online il nuovo singolo “Te vengo a cercà”




Da domani, giovedì 7 aprile, sarà online "Te vengo a cercà", nuovo singolo della band La Maschera per l'etichetta partenopea Full Heads. Contestualmente, sarà distribuito anche il videoclip del brano, con la regia della band, girato tra Napoli e la sabbia del Dakar. Il quintetto, questa volta, ha voluto approfondire suoni e umanità che uniscono il golfo del Mediterraneo alle tradizioni del Senegal. Il nuovo singolo nasce da un incontro avvenuto la scorsa estate, ad un concerto organizzato dal sassofonista Daniele Sepe, quando il gruppo incontra sul palco Laye Ba, musicista di Dakar che ha vissuto a Napoli quasi 17 anni. La sintonia tra Colella - frontman della band - e Ba è istantanea, e in poche settimane nasce un brano che pulsa di amicizia e ritmo, colori e racconti popolari. «Te vengo a cercà” è il mio grido di gioia generato da un abbraccio – racconta Colella - ho scritto i versi “chest’è Napule e nun è Africa” perché ognuno è il Sud di qualcun altro. Perché quelle che ci spacciano per differenze in realtà non sono altro che paure. Perché in qualsiasi parte del mondo, di fronte a un figlio costretto a lasciare sua madreterra, nun se po’ sta fermi a guardare.» In attesa del concerto in calendario sabato 30 aprile al Lanificio25 di Porta Capuana, il singolo “Te vengo a cercà” anticipa di fatto la scrittura del secondo album della band, che seguirà al felice esordio intitolato “’O vicolo ‘e l’alleria”: «In molti mi hanno chiesto quale direzione sonora prenderà il nostro secondo disco o cosa ci aspettiamo dal nuovo singolo “Te vengo a cercà”.Una risposta precisa io saprò darla solo una volta entrati in studio. Di sicuro ci saranno influenze world più marcate e, si spera, viaggi sonori in altri posti che amo. Mai dire mai! Questa nostra nuova canzone vuole essere una sorta di sperimentazione verso un sound di cambiamento. Adesso non saprei cosa altro aggiungere: un incontro e poi una canzone ci hanno portati a Dakar, tra l’amore degli sconosciuti e di una nuova famiglia, tra nuovi ritmi e antiche culture, fino ad essere accolti nelle più importanti tv nazionali del Senegal. Compresa quella di monsieur Youssou N’Dour. È già successo molto più di quello che potessi immaginare».

© Riproduzione riservata