Mercoledi 18 ottobre 2017 18:29

“Human farm 2020” al Piccolo Bellini, in scena l’autocrazia dei social




NAPOLI – La compagnia Murìcena Teatro si esibirà dal 12 al 17 aprile al Piccolo Bellini, lo spazio del Teatro Bellini di Napoli dedicato alla nuova drammaturgia e alla formazione di nuovi talenti, con lo spettacolo "Human Farm 2020". La rappresentazione è liberamente ispirata alle opere di George Orwell. Il gruppo di produzione teatrale è una compagnia professionista indipendente formatasi interamente, prima in assoluto, all’Accademia di Teatro del Bellini. Nata nel 2011, l’associazione di promozione sociale Murìcena Teatro, torna dopo cinque anni in quella che è stata agli inizi la loro “casa”. L’intento degli autori comunicare al pubblico quanto la presenza dei social media sia ormai strettamente sostanziale nella vita contemporanea, e quanto ne sia forte la dipendenza nel proprio ordinario esistere. Tutto ciò avviene immaginando un immediato futuro in cui la presenza dei social è sempre più “prepotente”, addirittura caratterizzante. Lo spettacolo è ispirato alle due opere più celebri della produzione letteraria di Orwell: “La fattoria degli animali” e “1984” (scritte rispettivamente nel 1945 e 1948). Così come il romanzo “1984” è ambientato trentasei anni dopo la sua stesura, così Human Farm, ambientato nel 2020, si ripromette di “raccontare” qualcosa che avviene di nuovo trentasei anni dopo quel 1984, analizzando lo sviluppo di questa egemonia dei social media, e probabilmente il degrado sociale che ne deriva. Infatti, se nell’opera originale “1984” la storia ruota intorno ad una sola entità con monopolio di controllo, condizionando tutta una galassia circoscritta, nel 2020 il clima appare libero, laico, e magari dolentemente frivolo, ma in realtà tutto è tenuto sotto controllo. Da un rapporto da uno a tanti, si passa all’infinita e fitta e ingarbugliata rete di tanti a tanti, dove un mondo senza corrente elettrica, indispensabile all’uso dei dispositivi, è all’idea traumatizzante. Ebbene lo spettacolo propone la messa in scena proprio di questo caotico mondo della perenne e costante comunicazione ed informazione, quello di una Fattoria Umana in cui scelgono di rinchiudersi tre persone, un “The Truman Show” plurale, contrario e cosciente dove uno schermo diventa lo specchio in cui si agita il loro mondo. Nelle note della regista Rosa Masciopinto viene spiegato che «Human Farm 2020 è la storia dell’ultima fase di una gara crudele, di un gioco di cosiddetta distrazione di massa che mette in palio la morte: quella buona, però, quella senza dolore. Se veramente - a dirla con G. Debord - lo spettacolo rappresenta la struttura della società dei consumi, se il mondo reale si confonde con le sue immagini, se non si prova più gioia né pudore nell’avere segreti e si continua a confondere il vero con il falso, forse è lecito supporre con Z. Bauman che i social network, grazie alla nostra attiva partecipazione, stiano diventando il luogo deputato di sorveglianza senza sorveglianti dei molti sui molti.» 02_HF-2020_foto-di-VisionArea-StudioLo spettacolo, scritto da Massimo Maraviglia, è rappresentato da Marianita Carfora, Antimo Casertano, Raffaele Parisi, con adattamento e regia di Rosa Masciopinto; una coproduzione di Murìcena Teatro e Fondazione Teatro di Napoli, sostenuta dall’Associazione Teatro Colosimo. Human Farm 2020 andrà in scena alle 21.15 da martedì 12 a sabato 16, e alle 18.30 domenica 17. Il costo del biglietto è di 15 euro, ridotto 10 euro per gli under 29, over 65 e possessori della politeatro card, e ulteriormente ridotto a 6 euro per chi è in possesso della politeatro card under 26. Inoltre la promozione #insiemeateatro permette di acquistare il biglietto per lo spettacolo “Human Farm 2020” e “L’uomo di fumo” pagandone solo uno. Per la messa in scena la compagnia collaborerà con Teatro Colosimo, un'associazione che si propone di far conoscere il mondo del teatro ai ragazzi non vedenti e ipovedenti. Inoltre il gruppo Murìcena, il quale nome deriva dal napoletano “macerie” proprio per indicare la voglia di ricostruire un nuovo futuro di cui la cultura è parte fondamentale della crescita sociale, sta anche realizzando un laboratorio di teatro nello Spazio Comunale di piazza Forcella destinato ai giovani del quartiere nell'ambito del progetto Percorsi d’Arte. Per info e prenotazioni spettacolo: 081 549 1266 – www.teatrobellini.it © Riproduzione riservata