Mercoledi 22 novembre 2017 13:50

Il Bellini di Napoli come il Globe di Londra, la nuova stagione parte da Shakespeare

08 maggio 2017



Trentuno spettacoli in totale, tra sala grande e Piccolo Bellini, oltre a 4 produzioni in tour e altrettanti spettacoli fuori abbonamento. Il Bellini conferma la propria presenza forte e innovativa nel panorama teatrale partenopeo con una delle stagioni più interessanti tra quelle messe su dai fratelli Russo. Si parte con «Glob(e)al Shakespeare» (fuori abbonamento, dal 3 al 28 ottobre), con sei spettacoli tratti dall'opera infinita del Bardo ma completamente riscritti da autori contemporanei. La sala di via Conte di Ruvo sarà trasformata in modo da somigliare al Globe Theatre londinese, con il palcoscenico enorme che occupa gran parte della platea e gli spettatori nei palchetti. Questi i titoli: "Giulio Cesare", "Otello"», "Tito Andronico", "Racconto d'inverno", "Le allegre comari di Windsor", "Una commedia di errori", 3 tragedie e 3 commedie, che a coppie (una tragedia e una commedia) andranno in scena nella stessa serata.

A seguire, il "Vangelo" di Pippo Delbono, con le musiche originali di Enzo Avitabile e l'orchestra e il coro del San Carlo. La collaborazione con il Massimo napoletano tornerà protagonista in chiusura di stagione per "Decameron, riscritto da Stefano Massini.Sempre di Massini sarà la firma de "L’ora di ricevimento" con Fabrizio Bentivoglio in calendario a novembre (dal 7 al 12), così come della versione teatrale de "Il nome della Rosa" di Umberto Eco (in scena dal 21 al 26 novembre), con – tra gli altri – Renato Carpentieri. Da segnalare sempre nello stesso mese la regia di Marco D’Amore, "American Buffalo" (dal 14 al 19).Tra i protagonisti di dicembre Maria Paiato con "Play Strindberg" di Dürrenmatt, mentre a gennaio spazio, dal 9 al 21, a Eduardo De Filippo con "Questi fantasmi", regia di Marco Tullio Giordana. Il maestro partenopeo tornerà protagonista con la regia di Martone de "Il sindaco del Rione Sanità", dal 6 al 18 marzo. A Capodanno torna, nel teatro che l'ha visto nascere, il fortunatissimo "Dignità autonome di prostituzione". Tra gli appuntamenti di febbraio, dal 2 all'11 la retrospettiva dedicata a Tato Russo; l'ultima regia di Peter Brook "Battlefield", da 20 al 25; Delitto/Castigo di Dostoevskij con Sergio Rubini e Luigi Lo Cascio (dal 27 al 4 marzo). Per la quarta stagione teatrale, dopo essere stato in tournée, in programma il ritorno di "Qualcuno volò sul nido del cuculo" di Gassmann / De Giovanni dal 22 al 25 marzo, e quello de "Il Giocatore" di Gabriele Russo, dal 12 al 17 dicembre.

Per saperne di più www.teatrobellini. it. Abbonamenti già pronti, con sconti e possibili scelte ed offerte. Info: 081 549 9688 e botteghino@ teatrobellini.it

© Riproduzione riservata