Sabato 18 novembre 2017 16:55

Arturo Cirillo interpreta Pirandello: “Liolà” in scena al Teatro San Ferdinando




NAPOLI - La commedia di Luigi Pirandello sarà messa in scena per l'apertura ufficiale della stagione 2016/2017 al Teatro San Ferdinando. Lo spettacolo "Liolà", una produzione Teatro Stabile di Napoli, sarà diretto e interpretato da Arturo Cirillo dal 19 al 30 ottobre.

La trama della rappresentazione è ben descritta in una nota del regista «Vittima di questo mondo, dove conta la roba di verghiana memoria, sono il mondo femminile e Liolà, poeta contadino, rimasto a uno stato di innocenza, e destinato a scoprire il male della società degli uomini contro quello della natura. Tra canti, e note allegre, usando la verità della recitazione e la stilizzazione del movimento, si narra questa storia archetipica, antica come il mondo, dove l'uomo opprime la donna, la vecchiaia si mangia la gioventù, l'avere conta più dell'essere, e la natura sta a guardare e si ammala di tanta crudeltà».

Date e orari dello spettacolo:

OTTOBRE - mercoledì 19 ore 21.00; giovedì 20 ore 17.00; venerdì 21 ore 21.00; sabato 22 ore 19.00; domenica 23 ottobre ore 18.00; martedì 25 ore 21.00; mercoledì 26 ore 17.00; giovedì 27 ore 17.00; venerdì 28 ore 21.00; sabato 29 ore 19.00; domenica 30 ore 18.00.

Il cast:

Massimiliano Gallo – Neli Schillaci detto Liolà
Arturo Cirillo – Zio Simone Palummu, ricco massaio
Milvia Marigliano – La zia Croce Azzara, sua cugina
Giovanna Di Rauso – Tuzza, figlia della zia Croce
Giorgia Coco – Mita, moglie di zio Simone
Sabrina Scuccimarra – Càrmina, detta La Moscardina
Antonella Romano – Comare Gesa, zia di Mita
Viviana Cangiano – Ciuzza
Valentina Curatoli – Luzza
Giuseppina Cervizzi – Nela
Antonia Cerullo, Emanuele D'Errico, Francesco Roccasecca (allievi della scuola del teatro Stabile di Napoli – secondo anno) – I tre cardelli di Liolà

Per ulteriori info e prenotazioni è possibile contattare la biglietteria telefonando al numero 0815513396 o scrivendo alla mail biglietteria@teatrostabilenapoli.it.

© Riproduzione riservata