Venerdi 24 novembre 2017 00:38

“Suggestioni all’imbrunire” al Pausylipon, teatro e musica a picco sul mare




I greci, per dare un nome a quella collina a picco sul mare, ricorsero alle parole di Sofocle, chiamandola "Pausylipon", ovvero, "sollievo dagli affanni". Non è difficile quindi immaginare il motivo per cui Vedio Pollione, ricco cavaliere romano, volle costruire proprio in una delle cale di quel luogo la sua villa da dedicare all'otium, con teatro e complesso termale. Duemila anni dopo, il sito, fiore all'occhiello dell'archeologia napoletana, sotto la tutela dell'area protetta della Gaiola, torna ad ospitare "Suggestioni all'imbrunire", rassegna di musica e teatro giunta alla sua ottava edizione, guidata da Maurizio Simeone e dall’attore Stefano Scognamiglio. Ad aprire la rassegna sarà, sabato 28 maggio, Eugenio Bennato con i Taranta Power in “Le città di mare”. «È bello tornare a Napoli – dichiara il maestro - e sapere che si realizzano concerti che, in controtendenza con l’assordante brusio della civiltà globale, accolgono il pubblico sulle gradinate di pietra antica del teatro Pausilypon e affidano le onde sonore all’acustica ingegnosamente concepita duemila anni fa. La Gaiola ci riporta, nel silenzio interrotto solo dai gabbiani, ad un paesaggio incontaminato sullo sfondo del mare delle leggende». Sin dalla prima edizione infatti, la direzione della rassegna ha scelto di sfruttare l'acustica originale del luogo, lasciando che a far luce siano il tramonto ed il chiarore della luna. L'iniziativa proseguirà fino al 26 giugno, per un totale di dieci spettacoli. I biglietti saranno acquistabili sul circuito ETES ad un costo, volutamente popolare, di 15 Euro ad evento. Domenica 29 sarà di scena “La morte della bellezza”, trasposizione del romanzo di Giuseppe Patroni Griffi a cura di Nadia Baldi, della compagnia “Teatro segreto” (con Franca Abategiovanni, Nadia Baldi, Tonia Filomena, Antonella Ippolito, Marina Sorrenti, accompagnate dalla musica di Roberta Rossi, Andrea Bonioli e Renato Salvetti). La scenografia, composta da cinque leggii, racconta la vicenda di un amore omosessuale fra due giovani, sullo sfondo di una Napoli in piena guerra, sotto i bombardamenti. Il sedicenne Eugenio, insidiato dal giovane tedesco Lilandt, è travolto da una passione controversa e negata, prima di cedere ai burrascosi abbracci del compagno, mentre la città va in fiamme. I proventi di queste prime due serate saranno devoluti al restauro dell'odeion (piccolo teatro, originariamente coperto) della villa, inagibile dal 2012. Già in passato, i guadagni delle edizioni 2013, 2014 e 2015 della rassegna hanno finanziato un progetto di recupero, del “calidarium” nelle terme superiori nel complesso. Tra i prossimi eventi in programma, “Mamma, piccole tragedie minimali”, di Annibale Ruccello, riproposta da Matremo Teatro il 5 giugno, più un concerto arpa e voce del duo “Gatos do mar” l’11. Gran finale, il 26, con "Il canto dei gabbiani”, performance dell’ “Orchestra acustica del Pausylipon”, diretta da Francesco Capriello. Ogni appuntamento sarà accompagnato da una degustazione a cura dell’associazione “Ager Campanus” e di Alma Flegrea. Questo il programma completo: 28 Maggio: " Le città di mare " con Eugenio Bennato 29 Maggio: "La morte della bellezza” di Giuseppe Patroni Griffi a cura di Nadia Baldi 4 Giugno: “La stanza dei colori” con Armanda Desidery trio 5 Giugno: “Mamma, piccole tragedie minimali” di Annibale Ruccello con  Matremo Teatro 11 Giugno: “Concerto arpa e voce” con Gatos do Mar 12 Giugno: “De Bello Civili” con Adriana Follieri e Fiorenzo Madonna 18 Giugno: “Omaggio a Cimarosa” con Dario Candela (piano) 19 Giugno: “Red Fish - primo studio sulla solitudine” di e con Arianna D’Angiò 25 Giugno: “Francischiello, Un amleto Re di Napoli” con Carmine Borrino 26 Giugno: “Il canto dei gabbiani” con Orchestra Acustica del Pausilypon (ensemble acustico) © Riproduzione riservata