Nino D’Angelo, maxi festa per i 60 anni allo stadio San Paolo




Una grande festa allo stadio San Paolo. Così "il ragazzo della Curva B" festeggerà i suoi 60 anni. Nino D'Angelo lo ha annunciato ieri, in diretta su Raiuno, durante Domenica In. Tornerà nel suo stadio, lì dove nel 1986 girò il film che lo ha reso simbolo dei tifosi del Napoli. Ci metterà piede 13 anni dopo l'ultima volta che ha intonato la sua "Napoli Napoli" sotto la Curva B. C'era anche lui la notte del 26 luglio 2004 quando a Fuorigrotta si celebrò la notte dell'Orgoglio partenopeo, per dire no alla retrocessione del Napoli in Serie C. Stavolta sarà tutta un'altra cosa. Lo stadio San Paolo sarà teatro di un maxi party popolare, con protagonista il cantante simbolo del riscatto. Storia illustrata, gli inizi da gelataio alla stazione di Napoli Centrale, il successo, i concerti in tutto il mondo.

Una festa di popolo per un ragazzo del popolo

La scelta del San Paolo non è casuale. «Perché lì? Perché i 40 anni li ho festeggiati a Scampia, i 50 al Trianon, i 60... mi serviva un posto grande, voglio invitare un sacco di amici - spiega Nino D'Angelo al Mattino - , il mio pubblico, quella che su Facebook chiamo “la mia gente”, che mi segue con amore, che ha fatto di me l’eccezione che conferma la regola o che, forse, un giorno aiuterà ad abbattere quella regola per dire che si può nascere poveri, a San Pietro a Patierno, ed arrivare in cima, o quasi». Le idee, nonostante manchino ancora quattro mesi, sono già chiare: niente celebrazioni. «Sarà un concerto per pariare, per divertirmi e divertire, dove le vecchie canzoni e le nuove canzoni finalmente stanno insieme d’amore e d’accordo, come il pubblico: quello cresciuto con “Nu jeans e na maglietta” e quello che mi ha conosciuto solo con “Senza giacca e cravatta”. Tanto, se il problema è l’abbigliamento, al San Paolo possiamo metterci tutti la maglietta azzurra e buona notte». Una festa di popolo, non per lucrare, ma per stare insieme. Con un prezzo di favore. «20 euro vanno bene, una cosa eguale per tutti».

© Riproduzione riservata