Lunedi 23 ottobre 2017 15:27

“Pompeii Theatrum Mundi”, le tragedie greche agli Scavi di Pompei

30 maggio 2017



Il teatro classico torna a Pompei con "Pompeii Theatrum Mundi", rassegna nata dalla collaborazione tra il Teatro Stabile di Napoli e la Soprintendenza di Pompei. A partire dal 22 giugno e sino al 23 luglio il Teatro Grande, nel bellissimo complesso degli Scavi Archeologici, ospiterà la prima edizione dell'iniziativa guidata da Luca De Fusco.

Ad aprire la rassegna, dal 22 al 25 giugno, l' Orestea di Eschilo diretta da De Fusco: la trilogia sarà divisa in due parti: Agamennone e Coefore e poi le Eumenidi. trilogia tratta da Eschilo, che ci riporta alle radici della storia antica con la rappresentazione divisa in due parti; Agamennone e Coefore la prima, Eumenidi la seconda. Nel cast Mariano Rigillo, Gaia Aprea, Mascia Musy.

Dal 30 giugno al 2 luglio sarà la volta di Prometeo, altre grande opera di Eschilo: «La vicenda di Prometeo – afferma il regista Massimo Luconi – può toccare corde molto sensibili per il pubblico di oggi e, pur con un inevitabile valore didascalico, la sua dolorosa e nobile immagine di ribelle, di uomo in rivolta, è carica di pathos senza tempo, di rimandi a momenti drammatici della nostra storia.»

Dal 5 al 6 luglio,invece, l' "Antigone" di Jean Anouilh con la regia di Luconi. Ispirata alla tragedia di Sofocle, la rappresentazione viene del tutto rivisitata approfondendo i temi dell'intolleranza e della discriminazione. L'opera è nata tre anni fa in Senegal e vede, tra i protagonisti, sei attori provenienti dal paese africano.

Dal 14 al 16 luglio Andrea De Rosa si cimenterà con le "Baccanti" di Euripide. A chiudere la rassegna, il 22 e 23 luglio, la "Fedra" di Seneca diretta da Carlo Cerciello.

Chiusura della rassegna, il 22 e 23 luglio, con Fedra, tratto da Seneca e diretto da Carlo Cerciello. La tragedia della passione come l’ha definita lo stesso regista. La storia di una donna che non ha nulla di antico ma è assolutamente catapultabile nella contemporaneità, una donna che si ribella per amore alle convenzioni sociali, capace di riscattare le sue colpe e di non rinnegare mai se stessa sino alla morte. È la natura la reale protagonista, il desiderio di vivere secondo le sue leggi che si tramuterà poi in un agire contro la natura stessa.

Il Teatro Stabile sta promuovendo l'evento con la "Theatrum Card", che consente la partecipazione a quattro spettacoli (due se utilizzata in coppia). La card è in promozione a 30,00 € sino al 31 maggio ed è acquistabile presso le biglietterie dello Stabile (Teatro San Ferdinando dalla 10:30 alle 19:30 – dal lunedì al sabato) presso i rivenditori autorizzati vivaticket ed online. Per ulteriori info scrivere a promotion.pompei@teatrostabile.it

© Riproduzione riservata