Sabato 16 dicembre 2017 08:26

Trasporto pubblico in Campania, i biglietti aumentano del 10%. De Luca: «Il rincaro non tocca le fasce deboli»




NAPOLI - Brutte notizie in arrivo per gli utenti dei trasporti pubblici. Dal 1 gennaio 2017 il costo del biglietto aumenterà del 10%. Dunque la singola corsa passerà a 1,10 euro. Ma il rincaro non è per tutti: gli abbonamenti non subiranno aumenti e ci sarà anche la possibilità di acquistare un abbonamento settimanale o di tre giorni per i mezzi pubblici in Campania. Ma non solo, gli studenti fino a 26 anni viaggeranno gratis. Ad annunciarlo è stato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in occasione del lancio degli abbonamenti gratis per gli studenti campani. «Gli adeguamenti Istat - ha spiegato De Luca - sono obbligatori per legge e scatteranno da gennaio 2017 ma non toccheranno le fasce deboli e gli utenti abituali del trasporto pubblico. Anche per gli abbonamenti per gli studenti nulla cambierà e le famiglie continueranno a risparmiare circa 300 euro l’anno per i ragazzi». Come spiegato da Palazzo Santa Lucia, l’aumento delle tariffe è dovuto alla legge che impone di raggiungere determinati livelli di ricavi rispetto al costo del servizio. L’incremento previsto contiene l’indicizzazione Istat per il triennio 2014-2016, e il ritocco è minimo (10%). La Regione ha però preservato chi utilizza tutti i giorni i mezzi pubblici e, quindi, non verranno aumentati gli abbonamenti annuali e mensili. Ampliata anche la platea di chi potrà avere agevolazioni: «Abbiamo pensato alle famiglie numerose - ha detto De Luca - e così per i nuclei familiari con reddito al di sotto di 20mila euro ci sarà una riduzione progressiva del costo di ogni abbonamento: -10% per il secondo abbonamento, poi -20% per il terzo e -30% per il quarto. Attenzione anche per le donne che viaggeranno a prezzo scontato dai 62 anni in poi, mentre prima le agevolazioni partivano dai 65 anni». Ma non è tutto, il governatore ha anche annunciato l'introduzione di nuove tipologie di abbonamenti: per tre giorni o per una settimana, che saranno utili anche per i turisti. Previsti anche biglietti speciali in occasioni di eventi. «Le forze dell’ordine - ha poi spiegato De Luca - potranno viaggiare gratuitamente a condizione che si presentino all’autista, dando quindi la propria disponibilità ad esercitare le loro funzioni di ordine pubblico anche se sono fuori dall’orario di servizio e se sono in borghese». © Riproduzione riservata