Venerdi 22 settembre 2017 17:07

Inaugurazione stazione Tav di Napoli Afragola, si inizia con 36 treni
Inaugurata questa mattina la nuova stazione dell'Alta Velocità di Napoli Afragola, i primi treni fermeranno domenica 11 giugno. I lavori saranno conclusi nel 2022

06 giugno 2017



NAPOLI - Ci sono voluti 14 anni per inaugurare la nuova stazione Tav di Afragola. Questa mattina il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha tagliato il nastro tricolore. Il premier è arrivato nel nuovo scalo a bordo di un Frecciarossa 1000, insieme al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, al presidente e all’ad Fs, Gioia Ghezzie Renato Mazzoncini. Ad accoglierlo nella nuova stazione c’erano il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il sindaco Domenico Tuccillo, con Claudia Cattani e Maurizio Gentile, Presidente e ad Rete Ferroviaria Italiana, Riccardo Maria Montie Carlo Carganico, presidente e ad Italferr.

Articoli correlati

Le prime immagini della nuova stazione
Inaugurazione Tav Afragola, scontri tra polizia e attivisti a Napoli Centrale
Insurgencia: «Affare per la camorra»

«Il Paese rialza la testa»

«Siamo un paese che rialza la testa - ha detto Gentiloni - e questa inaugurazione è carica di simboli e il primo è che con questa inaugurazione diamo il messaggio di essere un paese che rialza la testa perché un grande paese ha bisogno di grandi opere non possiamo essere l'unico paese che considera l'opera di un architetto come una conquista, un passo avanti che lascerà un segno, un'eredità . Lo Stato sarà presente qui in forze e garantirà la sicurezza del territorio». Soddisfatto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. «Garantiti altri 50 milioni per il collegamento tra la stazione e l'Eav. Per il momento potenzieremo il servizio su gomma tramite i mezzi Air, Eav e Ctp. È evidente che dovremo lavorare per una riqualificazione complessiva di tutto il territorio». «Sottolineo - ha proseguito De Luca - la necessità di un controllo rigoroso sul sistema di interessi che si muoverà intorno alla stazione. Riqualificazione significa investimenti pubblici e privati, un movimento di denaro che può sollecitare altri tipi di interessi».

Un serpente per stazione

La progettazione di Napoli Afragola è stata sviluppata a seguito del concorso internazionale bandito nel 2003, vinto dall'archistar Zaha Hadid.  Il corpo centrale della stazione, a forma di serpente, è lungo 400 metri e scavalca i binari come un grande ponte, sviluppandosi su una superficie di 30mila metri quadrati su 4 livelli. La stazione è costituita da grandi vetrate sostenute da pareti d’acciaio e calcestruzzo, “a filo” con il rivestimento in corian, materiale composito formato da idrossido di alluminio e resina acrilica. La stazione, una volta ultimata si svilupperà per oltre 30mila metri quadrati su 4 livelli. Il primo livello è dedicato alla circolazione dei treni, che nella prima fase avranno a disposizione quattro binari, due adibiti agli arrivi/partenze dei treni e due per i treni che non fermeranno ad Afragola. Successivamente, saranno attivati altri due binari per i servizi regionali sulla linea Napoli–Cancello–Frasso Telesino verso Bari e il prolungamento della Circumvesuviana. Al secondo livello saranno ospitate le biglietterie e i servizi per i viaggiatori, come le sale di accoglienza. Il terzo e quarto livello saranno adibiti a gallerie commerciali, che saranno aperte progressivamente.

L'infrografica delle Ferrovie dello Stato sulla stazione di Napoli Afragola

Il parcheggio

L'inaugurazione di oggi corrisponde con la conclusione della prima fase dei lavori. La seconda si concluderà entro il 2022 con l'attivazione di tutti i servizi della stazione. A regime, l’hub servirà un bacino urbano di circa 3 milioni di abitanti. Tra cinque anni Afragola avrà a disposizione anche 1.400 posti auto, di cui 500 già attivi dall’11 giugno, oltre a 53 posti dedicati a taxi e kiss&ride che beneficiano anche di una corsia dedicata. Sono previsti 8 stalli, che saranno ampliati fino a 15, per la sosta degli autobus urbani ed extraurbani.  Il parcheggio sarà gestito da Metropark (Gruppo Fs Italiane). Il sistema tariffario prevede 80 centesimi per ogni ora di sosta e 4 euro per l’intera giornata. È possibile abbonarsi al servizio di sosta al costo di 40 euro mensili ed è prevista la sosta gratuita fino a venti minuti.

 Stazione attiva da domenica 11 giugno

Saranno 36 i treni che fermeranno nella nuova stazione di Napoli Afragola, 18 Frecce di Trenitalia e 18 Italo di Ntv. Con l’attivazione dell’orario estivo, da domenica 11 giugno 2017, la stazione accoglierà i primi treni in transito. Fermeranno, per quanto riguarda i servizi di Trenitalia, due coppie Milano – Salerno, di cui una con fermata a Napoli solo ad Afragola, una coppia Roma Termini – Reggio Calabria con fermata a Napoli solo ad Afragola e cinque coppie Torino/Milano – Napoli Centrale e una coppia Venezia Santa Lucia – Napoli Centrale. Per quanto riguarda Italo fermeranno 6 coppie Torino/Milano – Napoli Centrale, una coppia Napoli Centrale – Venezia Santa Lucia, tre collegamenti Torino – Salerno (di cui 1 attivo dal 6 agosto al 26 agosto) e un collegamento Napoli – Verona.

© Riproduzione riservata