Mercoledi 28 giugno 2017 21:03

Napoli. Pochi autobus, ma schizza il prezzo del biglietto Anm
Il prezzo del biglietto Anm, entro due anni, costerà il trenta percento in più. In arrivo circa 130 milioni dal Comune di Napoli

16 marzo 2017



NAPOLI - Sono stati giorni difficili per i viaggiatori che si spostano con i mezzi dell'Anm. Ritardi, soppressioni e guasti hanno reso la vita impossibile a chi è costretto ad usufruire dei mezzi pubblici per raggiungere la scuola o il posto di lavoro. Ora arriva una notizia che sa di beffa. La giunta comunale di Napoli, ieri sera, ha ratificato attraverso una delibera il piano industriale proposto da Alberto Ramaglia, amministratore unico dell'Anm. Nel provvedimento è previsto un incremento del costo del biglietto di corsa semplice a 1,10 euro già dal 2017 e, successivamente a 1,20 euro dal 2018 e 1,30 euro dal 2019. In pratica, entro due anni, prendere l'autobus, la metro o la funicolare costerà il trenta percento in più. La delibera prevede una serie di agevolazioni tariffarie per chi acquisterà il biglietto tramite Sms e app.

L'amministrazione ha deliberato, inoltre, l'aumento del capitale di Anm per 65 milioni di euro attraverso il conferimento di immobili di proprietà del Comune. All'azienda, inoltre, sono stati conferiti 54 milioni di euro per i prossimi tre anni per garantire i servizi di trasporto pubblico e 3 milioni di euro/anno per le manutenzioni straordinarie delle infrastrutture. L'Anm, da parte sua, si è impegnata «ad avviare un'importante azione di efficientamento interno», promettendo di destinare 85 ulteriori unità di personale al recupero dell'evasione dal pagamento dei titoli di viaggio e di sosta. Si è impegnata, inoltre, ad «avviare fin da subito la redazione di un piano di efficientamento e razionalizzazione delle linee di trasporto su gomma».

«Si tratta di un impegno estremamente significativo del Comune per il trasporto pubblico locale, confrontabile con quello assunto dalle altre principali città italiane», dichiarano in una nota l'assessore al Bilancio Salvatore Palma e l'assessore alle Infrastrutture Mario Calabrese. «Questo impegno si aggiunge a quello per l'acquisto di 12 nuovi treni per la linea M1, la cui consegna è prevista per metà 2018, e all'acquisto di 70 nuovi autobus che stiamo effettuando con le risorse del Pon Metro».

© Riproduzione riservata