Domenica 24 settembre 2017 06:58

Campania, 47 nuovi autobus. Stop alle soppressioni dei treni Eav




In arrivo 47 nuovi autobus ecologici da impiegare nel trasporto pubblico regionale in Campania. La gara di acquisto, fa sapere il governatore De Luca, è stata indetta nella giornata di ieri e scadrà il prossimo 14 aprile. La gara prevede la fornitura di mezzi (classe I, categoria M3) in linea con le più recenti norme antinquinamento italiane ed europee (Euro VI) per essere utilizzati nei Comuni in cui si superano i valori limite della qualità dell’aria. I nuovi autobus saranno forniti degli apparati di bordo di tipo Intelligent Transport System (Its) per il monitoraggio dei servizi e informazione all'utenza. Nel frattempo, rifiuto di effettuare le prestazioni straordinarie da parte dei capitreno sui treni Eav. La holding dei trasporti campana comunica che per oggi non sono in programma soppressioni delle corse di Cumana e Circumvesuviana dovute a tali motivi e non ne sono previste per i giorni a seguire. Le soppressioni non prevedibili che si sono verificate o si verificheranno sono conseguenza del numero esiguo di materiali rotabili a disposizione per la circolazione. La Giunta regionale, in una nota, torna ad accusare le amministrazioni precedenti per la crisi Eav. «A seguito di tante scelte sbagliate e della colpevole inerzia amministrativa degli ultimi anni - si legge nel documento -, il disastro trovato all’Eav è l’apice di una situazione del trasporto regionale al collasso: quotidianamente ci troviamo ad affrontare debiti e migliaia di contenziosi, molti di questi milionari, e soprattutto abbiamo a che fare con una forte carenza di liquidità». «Sono mesi - dichiara il presidente della commissione Trasporti Luca Cascone - che abbiamo costituito diversi tavoli di lavoro per affrontare ogni singolo credito vantato dall'Eav con la Regione Campania provando, anche grazie alla grande disponibilità di tutti i dipendenti regionali del settore mobilità, a risolvere questioni ormai datate. Una su tutte, forse la più eclatante: in questi giorni – è incredibile! - stiamo affrontando la chiusura del contratto dei servizi su ferro del 2012! Queste attività vengono svolte sempre di concerto con De Gregorio e l’intero staff dell'Eav». Palazzo Santa Lucia ha reso noto, inoltre, di aver sbloccato oltre 10 milioni di euro tenuti fermi dal 2014, soldi che consentiranno finalmente di dare concreta disponibilità alle casse dell’Eav, creando le condizioni per puntare con maggiore tranquillità al secondo obiettivo prefissato dal presidente De Luca: intensificare la manutenzione al materiale rotabile ed alle stazioni per minimizzare i disagi agli utenti. © Riproduzione riservata