Sabato 18 novembre 2017 03:31

Inquinamento atmosferico Napoli, il Comune adotta il pugno di ferro con divieti di circolazione più severi




NAPOLI - L'allarme smog a Napoli resta alto, nonostante i blocchi alla circolazione dei veicoli a motore il livello delle polveri sottili nell'aria non tende a diminuire e il Comune corre ai ripari preparando una serie di pacchetti operativi per il 2016 che prevede misure maggiormente restrittive per le auto e divieti di circolazione con tempi più lunghi. Da gennaio via libera alla circolazione delle sole auto di nuovissima generazione ad emissione gas Euro 5 ed Euro 6. Dunque con l'inizio del nuovo anno le vetture Euro 3 ed Euro 4 non potranno più circolazione nei giorni interessati al blocco del traffico, ossia lunedì, martedì, mercoledì e venerdì, ma cambiano le fasce orarie: non più dalle 09:00 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 16:30 bensì dalle 09:00 alle 16:30 senza interruzioni. Ma non solo, la giunta di De Magistris ha anche stabilito in un'ordinanza sindacale ad hoc la riduzione della temperatura degli ambienti riscaldati a 18 gradi negli edifici civili (escluse scuole e ospedali) e a 17 gradi negli edifici industriali, nonché la riduzione dell’orario di accensione del riscaldamento per un massimo di 8 ore. Inoltre l'Autorità portuale, d'intesa con il Comune, ha imposto alle navi, che da gennaio attraccheranno al porto di Napoli, l'utilizzo di carburanti senza zolfo. E' con questo pacchetto di misure anti-inquinamento che il Comune si presenterà oggi al vertice convocato a Roma dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti per discutere dell’emergenza inquinamento con gli amministratori locali. © Riproduzione riservata