«Cià fratellò», il saluto di Pio e Amedeo ai napoletani